Mini Countryman si rinnova diventando più grande, comoda e anche ibrida

MILANO - Si conclude la fase di rinnovamento della gamma Mini: l'ultimo modello della precedente generazione, la Countryman, esce di scena per lasciare spazio ad un'auto completamente inedita - sviluppata ex novo sulla stessa piattaforma Bmw a trazione anteriore (o integrale) della Serie 2 - che da vita alla Mini più grande e più versatile di sempre.

Nuova Mini Countryman è infatti più lunga di 20 centimetri rispetto alla generazione precedente, più larga di 2 e allungata di 7,5 centimetri nel passo, a tutto vantaggio dell'abitabilità e della capacità di carico. Il volume del bagagliaio è di 450 litri ed è ampliabile, qualora necessario, fino a 1.390 litri, con un incremento rispetto al modello precedente di 220 litri. All'interno si apprezza un netto aumento dell'abitabilità, con un maggiore spazio alla testa e alle spalle del guidatore e del passeggero, che beneficiano anche dell'ampliamento del campo di regolazione dei sedili.

Nella zona posteriore della nuova Countryman sono a disposizione tre veri posti, a cui si accede con porte posteriori molto più comode. Nuova Countryman porta anche al debutto nel mondo Mini il primo propulsore ibrido plug-in che, nella variante Cooper SE Countryman All4 offre un'autonomia nella guida esclusivamente elettrica di 40 chilometri, oltre a molte altre tecnologie di assistenza alla guida.

In complesso la nuova edizione della Mini Countryman, che prevede la trazione anteriore o quella integrale All4, è caratterizzata da propulsori sviluppati completamente ex novo, con due unità a benzina (3 cilindri 1.5 da 136 cv e 4 cilindri 2.0 da 192 cv) e due a gasolio (4 cilindri 2.0 da 150 e 190 cv) tutte con tecnologia TwinPower Turbo a cui si aggiunge la ibrida plug-in 3 cilindri 1.5 da 136 cv più unità elettrica da 65 kW (88 cv) per una potenza complessiva di sistema di ben 224 cv. Una gamma di motori che permetterà di ottenere consumi molto contenuti - 7,0 - 2,1 l/100 km nel ciclo combinato - ed emissioni di CO2 nel ciclo combinato comprese tra 159 e 49 g/km.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Mercoledì 26 Ottobre 2016, 18:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Un flash della recente storia italiana attraverso la storia della Piaggio. Al pari di altre grandi aziende come Fiat e Pirelli, la società di Pontedera ha legato la sua evoluzione e i suoi...
Toyota al salone di Ginevra 2017. Intervista ad Andrea Carlucci
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009