La nuova Mercedes Classe A

Nuova Classe A, più ricca e tecnologica che mai. L'innovazione Mercedes ora parte dal basso

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo
  • 125

AMSTERDAM – Dieter Zetsche ha salvato i baffi. E con la nuova Classe A, la cui generazione uscente ha clienti più giovani di 10 anni rispetto al modello precedente, potrebbe concedersi di far crescere pure la barba. Perché i conti di Daimler sono i miglior di sempre e dipendono dalla sua strategia. Ancora una volta i designer della Stella si sono potuti permettere di cambiare. In questo caso per anticipare anche le linee dei futuri modelli con la Stella. Gli ingegneri hanno potuto attingere a nuovi e più efficienti motori ed i clienti potranno beneficiare dell'inedito sistema di infotainmet Mbux esibito da Mercedes al Ces di Las Vegas oltre che di nuove e più complete tecnologie di assistenza alla guida.
 

 

Sviluppata sulla nuova piattaforma Mfa2, la compatta di Stoccarda ha sostanzialmente le stesse dimensioni esterne di prima. Solo che  la più evoluta architettura ha consentito di alleggerire l'auto di una cinquantina di chilogrammi e, soprattutto, di ricavare più spazio all'interno dell'abitacolo. Tipo 2 centimetri di passo in più e maggiore “aria” per spalle, gomiti testa degli occupanti. Lo stesso accesso ai sedili posteriore è stato agevolato. Nel vano bagagli sono stati guadagnati altri 29 litri (370 in totale con i sedili in posizione standard). Le forme più spinte delle auto di nuova generazione non hanno mai premiato la visibilità, ma Mercedes ha deciso di ridurre i rivestimenti dei montanti del 10% per non venire meno agli impegni sulla sicurezza. E, in ogni caso, chi sta al volante beneficia poi dei sistemi di assistenza alla guida.

Sulla “stellina” il sistema Mercedes-Benz User Experience (Mbux) è destinato ad abbattere le barriere della comunicazione ed a rendere la tecnologia accessibile al maggior dei numero dei clienti. Possibilmente nuovi. La precedente versione ne ha strappati il 60% al altri marchi. I comandi vocali, rigorosamente intelligenti, si attivano con la frase Hey Mercedes e sono di serie sull'intera gamma. La sicurezza è ai massimi livelli, soprattutto per il segmento di riferimento, dove compete con la amatissima best seller d'Europa. Per la guida almeno in parte autonoma, Classe A dispone di funzioni mutuate direttamente dall'ammiraglia Classe S. Per dire. Una novità assoluta è il sistema che monitora la parte posteriore dell'auto fino a 3 minuti dopo il parcheggio (Vehicle Exit Warning Funtion). E grazie ai servizi alla mobilità del gruppo, i proprietari possono mettere a disposizione l'auto per il car sharing privato. Gli altri sono sistemi già “conosciuti”, anche se generalmente non popolarissimi nella classe di riferimento. Alcuni esempi sono le funzioni attive di assistenza di regolazione della distanza, dello sterzo, della frenata di emergenza e del cambio di corsia.

Sotto il cofano debuttano tre nuove unità, tutte a quattro cilindri. La prima è il benzina da 1.4 litri da 163 cavalli e 250 Nm di coppia che abbinato alla trasmissione automatica 7G-Dct dispone anche della disattivazione dei cilindri. La seconda è un altro benzina, ma questa volta da 2.0 litri da 224 cavalli e 350 Nm di coppia sia con la levigatura a campana delle canne dei cilindri sia con l'albero a camme a fasatura variabile in aspirazione). Il terzo è il diesel – tecnologia che Zetsche e Mercedes non vogliono sacrificare – da 1,5 litri da 115 cavalli da 260 Nm di coppia. L'unità dispone della sovralimentazione ottimizzata, del raffreddamento ad acqua e, per ridurre le emissioni, della soluzione AdBlue. Con un coefficiente di 0,25, la nuova Classe A è la vettura più aerodinamica del segmento.

La “stellina”, che l'anno scorso ha festeggiato i 20 anni e che è stata venduta finora in oltre 5 milioni e mezzo di esemplari, arriva in Italia in maggio. Se Zetsche, che ha scherzato sui propri vistosi e sempre curatissimi mustacchi, avesse seguito la tv italiana, avrebbe potuto anche concludere assicurando che la nuova Classe è davvero “un'auto coi baffi”.

  • condividi l'articolo
  • 125
Sabato 3 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 04-02-2018 17:57 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti