Il rinnovato Toyota Land Cruiser

Toyota Land Cruiser, muscoli e tecnologia in quantità per la rinnovata icona del fuoristrada

di Lorenzo Baroni
  • condividi l'articolo
  • 1

CATANIA - Il Toyota Land Cruiser è l'icona off-road della casa giapponese con oltre 60 anni di storia. Abbiamo testato tutte le sue qualità e le sue potenzialità in un viaggio che ci ha portato fino sull'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa. Due le varianti per il mercato italiano: 3 porte a passo corto (2450 mm) e 5 porte a passo lungo (2790 mm). Il 3 porte ha quattro allestimenti che vanno dall'entry level chiamato Land Cruiser al più ricco Lounge+ con cerchi da 19”, vetri oscurati, Multi Terrain Monitor, Under Vehicle Terrain View, Navi. Per la versione a 5 porte sono tre gli allestimenti previsti: Lounge, Lounge+ e Style con monitoraggio angolo cieco, clima trizona, interni in pelle, possibilità del pack 7 posti. I prezzi vanno dai 41.300 euro per la versione base a 3 porte, fino ai 67.200 euro per il 5 porte nell'allestimento più ricco.
 

 

Molte le novità, a partire da un nuovo frontale con gruppi ottici a LED, un nuovo paraurti e nuova calandra, il tutto all'insegna di uno stile più moderno ed elegante. Cambia anche il cofano motore con una vistosa scanalatura centrale voluta per migliorare la visibilità e la percezione degli ingombri. Anche il posteriore è stato modificato con l'adozione di nuovi gruppi ottici e nuovi paraurti.

Interni in pelle e modanature di pregio fanno da contorno alla tecnologia di bordo e al sistema infotainment Toyota Touch 2. La consolle centrale è realizzata in alluminio, qui ha sede il selettore in grado di gestire numerose funzioni tra cui la scelta del fondo stradale e il Crawl System. Disponibile solo per il 5 porte, versioni Lounge+ e Style, il Crawl System è il dispositivo che consente alla vettura di regolare automaticamente la potenza del motore e la frenata per mantenere la velocità prestabilita, lasciando al guidatore il solo compito di gestire il volante, senza agire sui pedali.

Inedito anche lo schermo touch da 8" con radio, telefonia, navigazione, servizi connessi e info di bordo. I comandi del Drive Mode Select si trovano subito sotto la leva del cambio e consentono la gestione della modalità di guida del nuovo Land Cruiser modificando il comportamento della vettura in base alle richieste del guidatore.

La versione 2018 della Toyota Land Cruiser è equipaggiata con il collaudato 2.8D-4D con omologazione Euro 6 capace di erogare 177 CV di potenza massima. La coppia disponibile è pari a 420 Nm tra i 1400 e i 2.600 giri/min in caso di abbinamento con il cambio manuale a 6 rapporti che diventano 450 Nm tra i 1.600 e i 2.400 giri/min se associato con la trasmissione automatica, sempre a 6 rapporti. E' interessante notare come il motore riesca ad assicurare circa l’80% della coppia già a 1.200 giri/min, un aspetto molto importante nella guida in fuoristrada.

I nuovi Land Cruiser 5 porte e il 3 porte Lounge+ hanno di serie il Toyota Safety Sense, il dispositivo di sicurezza attiva già presente sugli altri modelli della gamma e che comprende il Sistema Pre-Collision con rilevamento pedoni, il riconoscimento segnaletica stradale, l’avviso di superamento corsia, gli abbaglianti automatici e il Cruise Control Adattivo.

Come sempre la vettura è disponibile solo con la trazione integrale e prevede sempre in abbinamento le marce ridotte, a prescindere dal tipo di trasmissione adottata. La nuova Toyota Land Cruiser monta all'anteriore un differenziale aperto, il centrale è un Torsen bloccabile, mentre al posteriore, a seconda degli allestimenti, un classico differenziale aperto o uno a slittamento limitato di tipo Torsen.

Di serie, su tutte le versioni, l’A-TRC, Active Traction Control, che permette all’elettronica di frenare la singola ruota in slittamento distribuendo la forza motrice su quella opposta, mentre il DAC, il sistema di assistenza alla marcia in discesa, sia a marcia avanti che in retromarcia, è di serie sul 3 porte in versione Lounge+ e su tutti i 5 porte.

La versione nuova della Land Cruiser ripropone anche il sistema KDSS, Kinetic Dynamic Suspension System, che agisce sul comando idraulico delle barre stabilizzatrici aumentando la corsa delle sospensioni e assicurando che tutti e quattro gli pneumatici restino il più possibile a contatto con il terreno, ottimizzando le performance in fuoristrada.

 

  • condividi l'articolo
  • 1
Giovedì 7 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08-12-2017 15:01 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti