20Quattro ore delle Alpi, sicurezza e piacere di guida al top al volante delle Audi A4 Allroad

SAN CASSIANO - Entusiasmante, affascinante ed impegnativa. Questi gli aggettivi giusti per descrivere la seconda edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, unica gara italiana di endurance condotta con vetture di serie, che ha visto confrontarsi su 1.392 km di strade alpine percorse in 24 ore esatte da Sestriere a San Cassiano, cinque equipaggi al volante di vetture Audi A4 Allroad Quattro 3.0 TDI 272 Cv. Neve, ghiaccio, basse temperature, dislivelli (quello più elevato: i 2.328 del Passo Bernina) e migliaia di curve non hanno fermato la marcia delle cinque auto dei Quattro Anelli che - in perfetta sintonia con il claim “Tutte le condizioni sono condizioni perfette” che contraddistingue il Word of Quattro di Audi - hanno percorso complessivamente nelle 24 ore 6.690 chilometri alla velocità media di 56,4 km/h.
 
 


Piloti scelti nel mondo della stampa e co-piloti (tra questi ultimi alcuni nomi eccellenti delle competizioni, come Dario Cerrato, Fabrizia Pons, Giorgio Francia, Marco Apicella, Andrea Dallavilla, Renato Travaglia) si sono alternati al volante nelle quattro tappe senza mai spegnere il motore e nel rispetto delle norme dei Paesi attraversati, superando di slancio 25 passi alpini e giungendo al traguardo di San Cassiano in Val Badia nei tempi imposti senza alcun inconveniente tecnico. La manifestazione, organizzata da Audi Italia in conformità al Codice Sportivo Internazionale della FIA e sotto l’egida regolamentare dell’Automobile Club d’Italia, ha visto la presenza quale ufficiale di gara di un Giudice Unico Delegato AciSport che ha redatto una classifica in relazione ai controlli e all’affidabilità dei singoli equipaggi. Le cinque Audi A4 Allroad Quattro partite alle 12.00 di mercoledì 15 febbraio da Sestriere hanno dato prova di totale affidabilità, garantendo nel contempo confort, sicurezza e piacere di guida grazie all’efficacia e alle performance della trazione integrale Quattro, icona tecnologica Audi, e alla comodità e precisione del cambio Tiptronic.
 


La prima tappa dell’edizione 2017 della 20Quattro Ore delle Alpi ha portato gli equipaggi da Sestriere, nel comprensorio della Vialattea, la “Home of quattro” più occidentale dell’arco alpino, fino a Chamonix in Francia. Da questa località ai piedi del Monte Bianco le A4 Allroad Quattro 3.0 TDI si sono poi mosse in serata in direzione di San Bernardino, entrando dunque nella Confederazione Elvetica. Dopo il cambio di equipaggio in piena notte - che ha visto piloti in arrivo e in partenza impegnati anche in una prova di slalom su un vero campo da sci - il gruppo delle Audi ha proseguito verso Madonna di Campiglio, prima Home of quattrò del settore alpino orientale, dove il cambio di equipaggi è avvenuto alle luci dell’alba. Infine l’ultima impegnativa tappa dolomitica attraverso splendidi ma impervi tratti alpini, con passaggio da Cortina d’Ampezzo e arrivo al traguardo di San Cassiano esattamente alle ore 12.00 del 16 febbraio.

I cinque team sono riusciti nell’impresa di rispettare i tempi stabiliti dal road book - con timbratura per documentare il rispetto dei controlli orari - e hanno portato a termine, come già era accaduto nel 2016, una impresa sportiva di rilievo in quanto realizzata con vetture di serie e su strade aperte alla normale circolazione. Il tutto in condizioni climatiche tipicamente invernali che non hanno mai creato problemi alle A4 Allroad, grazie alla trazione integrale Quattro e alle doti dei potenti motori turbodiesel. La realizzazione dell’evento, affidata ad un vero esperto del settore - l’ex pilota e istruttore Massimo Perini - e ad un affiatato e professionale team di driver, apripista e navigatori (oltre a cronometristi, autisti, operatori tv e fotografi, personale medico, staff e meccanici) che ha coinvolto nel complesso 92 persone. Sono state utilizzate, oltre alle Audi A4 Allroad Quattro protagoniste dell’impresa, altre 31 vetture dei Quattro Anelli che hanno coperto complessivamente ben 31.734 km in 30 ore.

 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Venerdì 17 Febbraio 2017, 16:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Alla vigilia del salone di Ginevra ripartono le manovre di consolidamento nel settore dell’auto che potrebbero scatenare un effetto domino in grado di cambiare lo scenario globale e,...
Ferrari, ecco la SF70H che punta riconquistare il mondiale di F1
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009