Rally Messico, vince Meeke (Citroen). 2° Ogier (Ford) torna leader in classifica, terzo Neuville (Hyundai)

di Mattia Eccheli
LEON – Il Sud America porta bene a Kris Meeke. Il 37enne pilota britannico ha vinto in Messico il suo quarto rally mondiale dopo essersi imposto per la prima volta in Argentina nel 2015. Per il campionato si tratta di un successo importante perché Citroën C3 è la terza auto diversa a vincere in tre prove dopo la Ford Fiesta (Sébastien Ogier a Montecarlo) e la Toyota Yaris (Jari-Matti Latvala in Finlandia).

Meeke ha assunto il comando della prova all'inizio della giornata di venerdì e non ha più mollato la presa dimostrando finalmente di essere all'altezza dei pronostici che lo vedevano tra i favoriti, dopo aver contribuito allo sviluppo dell'auto per la quale il costruttore si era preso un anno di pausa dal WRC.

Il pilota del Doppio Chevron ha vinto 5 speciali, ma ha rischiato di compromettere tutto con un'uscita di strada nell'ultima cronometrata: «Ho urtato dopo un salto. Sono un ragazzo fortunato, molto fortunato – ha ammesso – Un rally si può chiudere anche così, ma non ne avevano bisogno». Insomma, ha evitato di poco la fine di Thierry Neuville nei primi due rally. Dopo aver rischiato di uscire di scena al primo giorno, il belga, al volante della Hyundai i20 Coupé, ha vinto il suo secondo power stage stagionale e conquistato il suo primo podio del 2017, finendo terzo alle spalle anche di Ogier, che nell'ultima crono ha rosicchiato secondi importanti al britannico, arrivandogli a meno di 14 secondi.

Ott Tänak (Ford Fiesta) è rimasto per la prima volta fuori dal podio dall'inizio del campionato, ma ha preceduto Hayden Paddon (i20) che ha completato un fine settimana estremamente positivo per Hyundai (Dani Sordo si è piazzato ottavo). Le due vetture del Gazoo Racing Team, quelle di Latvala e di Juho Hänninen, hanno chiuso sesta e settima, mentre al terza Fiesta, quella affidata a Elfyn Evans, ha chiuso al nono posto. Nella Top 10 anche il pilota svedese Pontus Tindemand, primao del WRC2 con la Skoda Fabia R5. Lorenzo Bertelli, unico italiano al via, è finito 16°.

Dopo questo fine settimana, Ogier è tornato al comando della classifica generale piloti che guida con 66 punti, 8 lunghezze in più rispetto a Latvala. Tänak è salito a 48, mentre Sordo è arrivato a 30 seguito dal compagno di squadra Neuville a 28 e da Meeke con 27.  Fra i costruttori, M-Sport Ford ha allungato raccogliendo altri 30 punti e portandosi a quota 103. Hyundai (65) ha avvicinato Toyota (67) mentre Citroën è schizzata a 51.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 12 Marzo 2017, 21:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009