Sam Bird festeggia a Hong Kong con la sua DS Virgin

Sam Bird con la DS Virgin domina il primo e-Prix di Hong Kong davanti a Vergne

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

HONG KONG – Sam Bird ha vinto l'ePrix di apertura della quarta stagione della Formula E. Per il britannico si tratta della sesta affermazione nel circuito elettrico, la terza nelle ultime cinque gare. Per la sua scuderia, la DS Virgin, la prova di Hong Kong è stata una dimostrazione di superiorità quasi clamorosa. Scattato secondo dietro a Jean Eric Vergne (Techeetah), Bird si è issato al comando al ventesimo giro. È rimasto in testa malgrado una penalità per aver investito un meccanico ai box al momento del cambio meccanico ed ha chiuso con un margine di 11 secondi e mezzo.

Vergne si è lamentato a fine gara della strategia, ma archivia la prima prova con 23 punti: i 20 della piazza d'onore ed i 3 della pole. Il tedesco Nick Heidfeld (Mahindra) ha solo sfiorato la seconda piazza, perché il francese non gli ha praticamente mai lasciato spazio per passare. L'ePrix di apertura del nuovo campionato di Formula E è stato ricco di emozioni. A cominciare dalla doppia partenza. Poco dopo la prima, l'esordente André Lotterer è finito contro una protezione creando un “trenino” di monoposto ferme. Il secondo via è avvenuto dietro la safety car con Oliver Turvey (Nio) già avanzato di quattro posizioni (terzo) e l'italiano Luca Filippi di tre (dodicesimo). Jerome D'Ambrosio (Dragon) è rimasto fermo al sesto giro.

Poi i problemi sono toccati a Lucas di Grassi (Audi Sport Abt) che ha provato un cambio macchina anticipato che non ha fruttato risultati: era partito sesto, è arrivato 18°. Sébastien Buemi (nono in griglia, dodicesimo in classifica) è rimasto fermo per qualche secondo nel circuito perdendo posizioni. Il tedesco Maro Engl (Venturi) è fra i grandi delusi: aveva chiuso quarto, ma i commissari lo hanno penalizzato per l'uso eccessivo di potenza. Alla fine è risultato 13° per via del declassamento di Felix Rosenqvist (Mahindra), che aveva chiuso settimo.

Dopo una stagione decisamente opaca, Nelson Piquet jr ha guidato la Jaguar ai piedi del podio, quarto, tallonato da Daniel Abt, il tedesco dell'Audi Sport che dopo il cambio macchina era scivolato di parecchie posizioni. Il portoghese Antonio Felix da Costa ha portato la Andretti in sesta posizione. Due debuttanti sono andati a punti: l'elvetico con passaporto italiano Edoardo Mortara (Venturi), si è classificato settimo regalando una soddisfazione a Mercedes che lo ha “spinto” ed il piemontese Filippi decimo grazie ai declassamenti di Engel e Rosenqvist. DS Virgin ha festeggiato anche il piazzamento di Alex Lynn nel 10 (ottavo), per la prima volta a punti gara, la Renault e.Dams si consola (poco) con la nona posizione di Nicolas Prost. Domani si replica.

  • condividi l'articolo
Domenica 3 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:04 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti