WEC, nella 6 Ore di Silverstone si impone la Toyota. Alle spalle le due Porsche 919 Hybrid

di Mattia Eccheli
SILVERSTONE – Toyota ha vinto la prova inaugurale del FIA World Endurance Championship. Nella 6 Ore di Silverstone, dopo aver dominato prove e qualifiche, le vetture del Gazoo Team dovevano “solo” confermarsi nella gara e nel campionato orfano di Audi. In realtà, malgrado Porsche abbia mandato in pista le vetture con l'aerodinamica per la 24 Ore di Le Mans, la sola TS050 Hybrid giapponese arrivata al traguardo ha chiuso con poco più di 6 secondi di vantaggio sulla prima delle due auto tedesche.
 
 


Anthony Davidson, Sebastien Buemi e Kazuki Nakajima hanno conquistato il successo con la vettura numero 8 dopo essere partiti in prima fila, ma dalla seconda posizione perché la pole era stata conquistata dal bolide con il 7, quello affidato a Mike Conway, Kamui Kobayashi (suo il tempo che ha assicurato alla squadra la prima piazza in partenza) e Josè Maria Lopez. L'affermazione è arrivata soprattutto grazie alla determinazione di Buemi e dopo che un acquazzone aveva mandato all'aria la strategia sulle gomme.

Lo svizzero che guida il campionato di Formula E è passato in testa ad un quarto d'ora dalla fine anche sfruttando un sofisticato programma che riduce il recupero dell'energia che gli ha consentito di abbattere lo svantaggio di 8 secondi che l'auto aveva dopo l'ultima sosta ai box: «Sapevo che sarebbe stata dura, ma non avrei pensato di dovermi trovare a recuperare otto secondi», ha commentato Buemi. Prima Kobayashi e poi Lopez avevano provveduto con largo anticipo a togliere dai giochi l'altra TS050, il secondo con un incidente. Alla fine la vettura ha accusato 38 giri di ritardo.

Porsche ha beneficiato degli errori di Toyota ed ha badato soprattutto a non lasciar capire quali siano le proprie potenzialità. In avvio di stagione, l'obiettivo è soprattutto mettere a punto le vetture per aggiudicarsi la gara simbolo dell'intera annata, quella del circuito de La Sarthe, che è la terza tappa. Poi comincia un altro campionato, come sempre.

Le due 919 Hybrid si sono rivelate veloci come le auto nipponiche equipaggiate con il pacchetto aerodinamico High Downforce, rimanendo competitive (una in particolare) fino alla fine. La piazza d'onore è stata conquistata Hartley Brendon, Timo Bernhard ed Earl Bamber, che avevano ottenuto il quarto tempo nelle qualifiche. Il podio è stato completato dall'equipaggio composto da André Lotterer, Neel Jani e Nick Tandy. Fra i piloti, naturalmente Buemi, Davidson e Nakajima sono in testa, ma fra i costruttori Porsche guida con 33 punti, contro i 26,5 di Toyota. Prossimo appuntamento il 6 maggio con la 6 ore di Spa-Francorchamps.
 
 


 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Lunedì 17 Aprile 2017, 15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Fiat Chrysler archivia un trimestre da record e il titolo vola in borsa riportando in territorio positivo (+0,15%) l’intero indice di Piazza Affari. Le contrattazioni delle azioni del gruppo...
Ford Mustang è la sportiva più venduta al mondo, oltre 150.000 esemplari venduti nel 2016
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
MODERNISSIMA
La linea di produzione della Alfa stelvio nella fabbrica di cassino
CASSINO - Auto premium possono solo nascere in una fabbrica premium. Oppure, dimmi da dove vieni e...
LA RIVOLUZIONE
Le retromarce, l'inversione di marcia, i posteggi e le uscite dalle aree di parcheggio, ma...
L'EVENTO
Una vecchia monoposto di Formula E transita a Roma con sullo sfondo il Colosseo
ROMA - Alla fine l'ok è finalmente arrivato. L’Aula Giulio Cesare dà il suo...
LA PRESENTAZIONE
La locandina della 40^ edizione della Dakar
PARIGI – La Dakar celebra la 40° edizione, la decima in Sudamerica, tornando in...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009