WEC, Toyota domina a Spa Francorchamps nella LMP1 e mette nel mirino la 24 Ore di Le Mans

di Nicola Desiderio
SPA FRANCORCHAMPS - La Toyota vince anche la 6 Ore di Spa Francorchamps con un perentorio primo e secondo posto aggiudicandosi anche la seconda gara del WEC, la più importante per preparare la 24 Ore di Le Mans, terza gara del calendario in programma per il 17-18 giugno prossimi. A vincere è stata la TS050 numero 8 guidata da Buemi-Davidson-Nakajima, che già aveva vinto la prima gara a Silverstone e si è imposta per meno di 2 secondi sulla numero 7 di Conway-Kobayashi (orfana di Lopez, reduce da un incidente), davanti alle Porsche numero 2 di Bamber-Bernhard-Hartley e alla numero 1 di Jani-Lotterer-Tandy che era partita in pole position di fronte allo squadrone giapponese. Quinta la terza Toyota guidata dal trio Kunimoto-Lapierre-Sarrazin, unica nel lotto ad aver corso con la configurazione a basso carico aerodinamico che sarà utilizzata a Le Mans.
 
 


Le LMP1 volano velocissime. In realtà, ad ottenere il tempo migliore durante la qualifiche era stato proprio Stephane Sarrazin, disintegrando inaspettatamente il record della pista per questo tipo di vetture – 1’53”658 contro 1’54”755 stabilito 2 anni fa da Bernhard con la Porsche – ma nella sessione finale per la partenza al palo la media migliore dei tempi era stata ottenuta dall’avversaria tedesca con il numero 1. Il dominio del costruttore giapponese non è mai stato messo in discussione durante tutta la gara anche se almeno un paio di circostanze non sono state favorevoli agli avversari. Tra queste, un pit stop operato prima di una bandiera gialla, una foratura ed un piccolo tamponamento che ha obbligato Hartley ad una sosta un po’ più lunga ai box. Al via era invece Lapierre che tentava il tutto per tutto, ma andava lungo a ruote fumanti lasciando strada agli altri.

Il gioco delle coppie. Era allora Conway a salire in cattedra e a fare da lepre seguito da Buemi mentre le Porsche mostravano subito un ritmo un po’ più lento. Numerosi i duelli, soprattutto nella LMP2 che ha visto il dominio delle Oreca e la vittoria della numero 26 del team russo G-Drive guidata da Rusinov-Thiriet-Lynn. Belli ed emozionanti anche i confronti diretta nella GTE-Pro tra le Ferrari 488 del team AF Corse e le Ford GT del team Chip Ganassi, ma alla fine il dominio delle Rosse è stato schiacciante con la vittoria della numero 71 di Bird-Rigon. Nella GTE-Am si è imposta l’Aston Martin numero 98 di Dalla Lana-Lamy-Lauda. La gara è stata in ogni caso bella ed emozionante, anche per le condizioni atmosferiche. Dopo un inizio con il sole, alla scadere della seconda ora si sono palesati – come previsto – i primi nuvoloni, ma senza la pioggia che invece ha fatto capolino a meno di un’ora dalla fine, dapprima nella parte alta del circuito e poi su tutto il tracciato senza tuttavia condizionare l’aderenza e dunque costringere i team a sostituire le gomme.

Sarà un Le Mans più veloce del 2016. A questo proposito, la Toyota è apparsa migliore nella gestione delle coperture, anche grazie alla presenza delle due vetture con elevato carico aerodinamico mentre la Porsche ha, al momento, solo quello da circuito veloce. Così si spiega la distanza tra le TS050 numero 7 e 8 e la numero 9, capace di fare il tempo migliore con le gomme da qualifica, ma costretta a rallentare nel tratto misto per non rischiare di consumare il treno prima di aver completato lo stint. Il successo di Spa Francorchamps rafforza la leadership della Toyota numero 8 e porta la casa giapponese in cima al campionato Costruttori, primati sicuramente prestigiosi, ma è chiaro che l’obiettivo vero è vincere per la prima volta la 24 Ore di Le Mans, sfuggita più volte e in modo clamoroso lo scorso anno, all’ultimo giro per un guasto banale che ha tolto potenza al motore. Per la gara francese sarà di nuovo della partita il pilota argentino José Maria Lopez, presente in Belgio a seguire i compagni di squadra. Una cosa è sicura: nonostante le limitazioni imposte dal regolamento all’aerodinamica e alle gomme, le LMP1 sono già più veloci dello scorso anno di 2 secondi su un circuito da 7 chilometri: chissà cosa riusciranno a farne su uno di oltre 13 km e mezzo come quello della Loira.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 7 Maggio 2017, 16:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ancora più 500, ancora più crossover, ancora più tecnologica ecco in sintesi la nuova Fiat 500L
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009