WRC, in Portogallo Ostberg (Ford Fiesta) e Neuville (hyundai i20) in testa dopo la 1^ crono

di Mattia Eccheli
PORTO – Meno di tre chilometri e mezzo non vogliono dire molto nell'economia di una gara di quasi 350 chilometri articolata su 19 stage. Ma dopo la cronometrata di apertura del Rally di Portogallo, valido come sesta prova del Fia Rally World Rally Championship (Wrc), c'è una coppia al comando.


Mads Ostberg, al volante di una Ford Fiesta privata, e Thierry Neuville, con la sua Hyundai i20 Coupé ufficiale, hanno chiuso la superspeciale di Lousada con lo stesso tempo, 2:36.6. Il norvegese ha già vinto il rally lusitano 5 anni fa e ha già dimostrato di aver trovato un buon feeling con la vettura, almeno a tratti. «È stata una frazione tirata: ho visto i tempi alla fine del primo giro e così ho dato ancora più gas nel secondo – ha commentato – Ho fatto qualche piccolo errore, ma sono soddisfatto con il crono».


I piloti della scuderia coreana sembrano essersi trovato a loro agio: con il nuovo navigatore Sebastian Marshall, Hayden Paddon ha ottenuto il secondo tempo, con un ritardo di appena un decimo. E Dani Sordo è subito dietro con il quarto crono (quinto in classifica per via dell'ex aequo) a mezzo secondo: «Un bello spettacolo per il pubblico», ha sintetizzato.


Elfyn Evans, lo sfortunatissimo secondo del Rally di Argentina, ha messo il muso della sua Ford Fiesta della M-Sport davanti alla i20 dello spagnolo per appena dieci centesimo. Il campione del mondo in carica, Sébastein Ogier deve recuperare 7 decimi ed è tallonato dal francese Stéphane Lefebvre con la prima Citroen C3. Ogier ha già anticipato che venerdì, per via dell'assetto, prevede di perdere un po' di tempo rispetto ai rivali. Nella Top 10 ci sono tutti i “big” ad eccesione di Ott Tänak, che è dodicesimo, ma con il nono tempo.

Le tre Toyota Yaris sono settimana (Jari Matti Latvala), nona (Juho Hänninen) e tredicesima (l'esoridente Esapekka Lappi), mentre le altre due C3 sono decime (Kriss Meeke e Craig Brain) a 2 secondi. Andreas Mikkelsen, il primo dell'Rc2, è quattordicesimo. La seconda tappa è articolata su sette stage.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Venerdì 19 Maggio 2017, 13:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ds Virgin sale sul podio di Formula E all'ePrix di Parigi
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009