Giochi invernali 2018, il viaggio dell'Italia Team inizia a Bolzano a bordo della Mirai

BOLZANO - Il primo passo del lungo viaggio insieme tra Toyota e l’Italia Team verso le prossime Olimpiadi è stato fatto questa mattina a Bolzano, in occasione della presentazione del Club Olimpico dei Giochi Invernali che si disputeranno nel 2018 a Pyeongchang in Corea del Sud. Come conseguenza della partnership iniziata nel gennaio scorso, quella di oggi è una prima importante tappa del viaggio, ben più lungo, che lega Toyota al Comitato Olimpico Nazionale, fino al 2024.
 
 


Alla conferenza erano presenti il Presidente del CONI Giovanni Malagò che, insieme all’ad di Toyota Motor Italia Andrea Carlucci. Malagò era al volante di una Mirai, la berlina giapponese alimentata a idrogeno, veicolo simbolo della mobilità del futuro a emissioni zero. A Bolzano sono state utilizzate anche 5 Toyota Proace per il trasporto degli atleti dell’Italia Team fino alla sede della conferenza di presentazione. «Siamo sicuramente lieti di cominciare questa nuova avventura accanto a Toyota, un marchio all’avanguardia che, alla pari di qualsiasi vero sportivo, punta al costante miglioramento delle proprie performance. – ha dichiarato Giovanni Malagò, presidente del CONI - Ho avuto la possibilità di guidare Mirai, che rappresenta la miglior espressione di tale filosofia e della direzione intrapresa dalla casa nel voler sviluppare una concreta soluzione di mobilità basata sull’utilizzo dell’idrogeno.

Partiamo da Bolzano, unica città italiana con un distributore di idrogeno pienamente funzionante, e spero che presto altre realtà simili nascano in Italia. Partiamo da qui, ma arriveremo sicuramente lontano.» «Questo primo appuntamento ufficiale, accanto agli atleti in preparazione per i prossimi Giochi Invernali - ha dichiarato Andrea Carlucci, Amministratore Delegato Toyota Motor Italia – rappresenta per noi una tappa fondamentale, resa ancora più significativa dalla città in cui siamo: Bolzano, simbolo da sempre dell’uso consapevole di una risorsa alternativa come l’idrogeno (qui è infatti presente il primo impianto di produzione di idrogeno da energie rinnovabili, ed è attiva la prima stazione di rifornimento a 700 bar). Con Mirai, abbiamo compiuto una vera rivoluzione (e continuiamo a farlo) e, proprio come degli atleti che si impegnano quotidianamente, senza riserve, per raggiungere i propri obiettivi, abbiamo lavorato e ottenuto che l’uso di questa risorsa potesse diventare una realtà in tutta Italia.

Adesso, grazie al recepimento della Direttiva per la costruzione di infrastrutture per i combustibili alternativi (DAFI) il governo italiano ha deciso che entro il 2025, dovrà essere costruito un numero adeguato di stazioni di rifornimento nelle quali sarà possibile rifornire i serbatoi a 700 bar, in tutta sicurezza, come sulla Mirai. Ma questo sarà davvero possibile solo quando l’Italia aggiornerà l’obsoleta normativa tecnica di costruzione delle stazioni di rifornimento, come richiesto dalla Direttiva DAFI, e dal decreto che la recepisce nel nostro paese. Ora le nostre ambizioni proseguono. Vogliamo realizzare vendite annuali globali dal 2020 di almeno 30.000 vetture equipaggiate con celle a combustibile e ridurre la media globale delle emissioni di CO2 del 90% entro il 2050 (rispetto alla media Toyota del 2010). Contiamo anche su un partner affidabile come il CONI per costruire un futuro sempre più sostenibile».

La partnership con il Comitato Olimpico Nazionale, rappresenta una tappa fondamentale dell’unione tra Toyota e il Comitato Olimpico Internazionale sul tema della mobilità, presentata a Marzo 2015 a Tokyo dal Presidente del CIO, Thomas Bach, e dal Presidente di Toyota, Akio Toyoda. La collaborazione prevede che Toyota dal 2017 lavori al fianco del CIO e dei Comitati Olimpici Nazionali di tutto il mondo, per fornire soluzioni di mobilità sostenibile, più sicura ed efficiente, compresi sistemi di trasporto intelligenti, di gestione del traffico urbano, e sistemi di comunicazione da veicolo a veicolo. La collaborazione supporterà gli obiettivi della Agenda Olimpica 2020, la visione e il piano di azione per il futuro del Movimento Olimpico che vede nella sostenibilità uno dei tre principali pilastri.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 20 Aprile 2017, 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009