Michelin Pilot Sport 4S, il pneumatico sportivo che viene dall’Endurance

di Nicola Desiderio
CHESTE - Uno pneumatico sportivo che possa andare anche in pista, ma che duri come uno normale e sia sicuro, soprattutto sul bagnato. Un’utopia? No, è quello che promette il nuovo Michelin Pilot Sport 4S che sostituisce il Super Sport e si posiziona tra lo stradale Pilot Sport 4 e lo “street legal” Pilot Sport Cup, destinato a passare l’80% della sua vita su pista. Il nuovo Pilot Sport 4S invece nasce per dedicare, al contrario, il 20% delle propria vita su circuito, ma non certo per occupare posizioni rincalzo, e su strada è in grado di primeggiare in frenata, sia su asciutto sia su bagnato, e durata. A dirlo sono l’ente di certificazione TUV Sud e l’etichetta di omologazione.
 
 


Asso pigliatutto, lo dicono gli altri. Il primo ha messo il nuovo Pilot Sport 4S a confronto con altri 5 concorrenti primeggiando in tutto: frenata su asciutto e bagnato, sul giro in circuito da 2.600 metri e persino per la durata. Notevoli anche i risultati di omologazione: il nuovo pneumatico ha ottenuto A o B nella frenata sul bagnato e ha persino C nella resistenza al rotolamento. In definitiva: è equilibrato, come da tradizione Michelin, senza tralasciare nessuna prestazione fondamentale, persino la durata e il comportamento sul bagnato che solitamente devono essere messi in secondo piano nella ricerca delle prestazioni pure. È la filosofia Total Performance di Michelin, perfettamente rispecchiata dal tipo di competizioni dove è impegnata, non ultimo il WEC che ha fornito al nuovo nato non solo i concetti fondamentali, ma persino i materiali e processi di lavorazione.

Un ibrido bimescola che viene da Le Mans. Il segreto è nella conformazione ibrida bimescola: all’interno con abbondanza di silice, che favorisce la resistenza al rotolamento e il comportamento sul bagnato; all’esterno con aramide (un fibra 5 volte più resistente dell’acciaio e 10 volte più costosa) e in nylon, una fibra che si accorcia quando si scalda. In questo modo lo pneumatico si deforma meno, si scalda meno e si consuma anche meno. E’ il frutto di quanto sperimentato nel WEC con il cosiddetto pneumatico ibrido introdotto alla 24 Ore di Le Mans del 2012: slick ma in grado di affrontare anche variazioni di temperatura e umidità, finanche il bagnato. Il parallelismo tra questo tipo di competizioni e l’uso stradale è evidente perché identiche sono le sfide da affrontare: prestazioni sull’asciutto e sul bagnato, durata, resistenza al rotolamento e costanza di comportamento.

Desiderio crescente di sportività. Il Pilot Sport 4S va in ogni caso incontro al mercato dove sta crescendo la domanda di coperture più sportive. Il 17,5% del venduto va montato su cerchi 17” e oltre e del 9,1% su quelli da 18” e oltre con la previsione che entro due anni si arriverà al 10%. La sfida è dunque mettere nelle mani dell’automobilista uno pneumatico ad elevate prestazioni, ma senza compromessi per la durata e le norme di omologazione i cui risultati, come è noto, sono riportate sull’etichetta come la trazione sul bagnato, la resistenza al rotolamento e la rumorosità. Aspetti richiesti dei costruttori stessi. A Clermont Ferrand hanno pensato anche all’estetica, grazie ad una speciale lavorazione al laser che dà allo pneumatico un effetto velluto.

Prezzi chiari, amicizia lunga. Il Pilot Sport 4S è già in vendita da gennaio in 34 misure su cerchi da 19” e 20”, sufficienti per coprire il 92% del mercato, ma sono in arrivo anche da 21” e 22” entro l’anno. Tre le omologazioni già raggiunte – Ferrari GTC4 Lusso, Mercedes-AMG E63 e E43 e Porsche Panamera – con altre 60 circa in lavorazione. Da 224 a 445 euro il prezzo “consigliato”, un modo sincero di rivolgersi al mercato per far riconoscere al cliente il valore del prodotto.
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 6 Aprile 2017, 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ds Virgin sale sul podio di Formula E all'ePrix di Parigi
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009