Mini Countryman e' pronta per il debutto green, in arrivo l'ibrida plug-in

LONDRA - Con la diffusione delle foto di un prototipo ancora coperto da camuffature, è partito il conto alla rovescia per il lancio della Mini Countryman Hybrid Plug-in. Dotata di un pacco batterie ricaricabile tramite la rete domestica che assicura consistenti percorrenze in modalità elettrica, la wagon segnerà per la Casa britannica il debutto sul mercato con un modello ibrido con autonomia a zero emissioni.

Attesa sul mercato per il 2017, la Clubman Plug-in rappresenta il primo passo concreto della ''road map green'' annunciata dal Costruttore al Salone di Parigi, che porterà entro il 2020 alla presentazione di una Mini elettrica di produzione di grande serie. Di quella vettura la plug-in, attesa a breve al reveal ufficiale, anticipa varie soluzioni tecniche.

Il nuovo modello ibrido ha già superato la fase di test e dispone dispone di un motore a combustione abbinato a uno elettrico. All'accensione rimane silenziosa, parte infatti a zero emissioni. Nel quadro strumenti il contagiri è rimpiazzato dall'indicatore di potenza degli accumulatori. Poi il motore a combustione si mette in moto per lavorare in simbiosi con quello elettrico, che garantisce elevati valori di coppia, disponibile praticamente istantaneamente. La Clubman Hybrid Plug-in può marciare senza emettere gas di scarico sino a 80 km/h in modalità di utilizzo eDrive e sino a 125 km/h in Max eDrive.

Le componenti elettriche sono sistemate sul pianale, più in basso possibile, per mantenere vicino al suolo il baricentro della vetture. Il motore termico trasmette il moto alle ruote anteriori, quello elettrico alle posteriori e interviene anche per assicurare una migliore trazione con fondi a scarsa aderenza, permettendo l'azione contemporanea dei due propulsori.

Il modo di utilizzo Save Battery garantisce il mantenimento di un quantitativo di carica nelle batterie, utile per un successivo utilizzo elettrico della vettura e addirittura permette di rifornire gli accumulatori sfruttando il motore a combustione come generatore. ''Con questo modello vogliamo convincere i consumatori Mini - ha detto Sebastian Mackensen, responsabile brand management di Mini - dei benefici connessi all'alimentazione ibrida. Vogliamo inoltre conquistare chi già guida ibrido con il nostro feeling di guida go-kart''.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 18 Ottobre 2016, 19:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ds Virgin sale sul podio di Formula E all'ePrix di Parigi
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009