Nissan e Anci promuovono la mobilità sostenibile: trasporti zero emissioni nelle città italiane

ROMA - Una mobilità sostenibile ed attenta all'ambiente per i comuni italiani. La proposta, lanciata da Antonio Decaro, presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci), ha raccolto il sostegno di Nissan che ha presentato una serie di iniziative per facilitare l'inserimento di un modello integrato di ecosostenibilità per rispondere alle sfide ambientali e alle difficoltà dei blocchi della circolazione a cui i cittadini sono sempre più sensibili. Con la mobilità a zero emissioni, infatti, è possibile viaggiare anche durante le restrizioni del traffico imposte dai Comuni per ridurre le soglie delle polveri sottili.

«Siamo favorevoli alla costruzione di piani di sviluppo di infrastrutture e veicoli a zero emissioni nei Comuni - ha detto Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia - sia per i privati cittadini che per il trasporto pubblico, composto da car e van in modalità sharing 100% elettrico, flotte e taxi a zero emissioni, infrastrutture di ricarica e sistemi di stoccaggio e di integrazione alla rete elettrica per scambiare l'energia con gli edifici e con la rete».

In merito al problema dello sforamento delle emissioni di polveri sottili, il presidente Anci ha poi affermato: «Per abbatterli servono iniziative e progetti concreti che mirino a una mobilità davvero sostenibile, attraverso l'utilizzo del trasporto pubblico, della bicicletta oltre che dei veicoli elettrici. Tutti possiamo contribuire, dalle istituzioni al singolo cittadino. Anci è pronta a sostenere gli sforzi delle città italiane, e a dare il buon esempio nel promuovere un modello di mobilità davvero sostenibile».

L'inquinamento in Italia è in crescita. A gennaio sono ben nove le città italiane che hanno registrato per oltre 15 giorni il superamento del limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo dei valori di polveri sottili (PM10), mentre a febbraio sia Milano che Torino hanno già raggiunto e superato la soglia dei 35 giorni annuali di sforamento consentiti.

Tra le iniziative ecosostenibili promosse dai Comuni italiani e già messe in pratica va ricordata quella introdotta dallo stesso presidente Decaro a Bari nel 2015 con il servizio di car sharing elettrico “GirACI”, realizzato insieme ad Aci Global. L'iniziativa aveva portato nel capoluogo pugliese una flotta di 30 Nissan Leaf e una rete di 6 colonnine di ricarica rapida aperte alla cittadinanza: un'esperienza analoga a quella delle più virtuose città europee e facilmente replicabile in altri comuni italiani, a costi bassi o nulli per le amministrazioni pubbliche e a beneficio di tutta la cittadinanza.
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Mercoledì 22 Febbraio 2017, 18:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Un flash della recente storia italiana attraverso la storia della Piaggio. Al pari di altre grandi aziende come Fiat e Pirelli, la società di Pontedera ha legato la sua evoluzione e i suoi...
Toyota al salone di Ginevra 2017. Intervista ad Andrea Carlucci
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009