Jeep Grand Cherokee, prestazioni super e tanta cura stilistica per il “re” dei Suv

di Mattia Eccheli
FRANCOFORTE – Con il rinnovato “re dei Suv” Jeep va a caccia nel territorio più ambito dai predatori del mercato: quello del segmento che cresce di più e che garantisce margini importanti. Grand Cherokee è stato aggiornato soprattutto per rispondere meglio alle esigenze dei clienti, generalmente danarosi, tanto che in Italia il loro identikit riguarda maschi (oltre il 90%) con un reddito superiore ai 90.000 euro. Grand Cherokee non è un Suv per tutti, insomma. Anche se nella classe premium sfida i rivali con un listino più accessibile. L'entry level, la versione Laredo che sotto il cofano monta il motore turbodiesel da 3.0 litri da 190 cavalli, è offerto allo stesso prezzo dello scorso anno, a partire da 57.200 euro.
 
 


L'intera gamma è stata aggiornata esteticamente, anche se alcuni varianti si distinguono per ulteriori dettagli personalizzati. Con il Model Year 2017 l'offerta è salita a 6 allestimenti - oltre alla Laredo, ci sono la Limited, la Overland, la Summit, la SRT e la nuova Trailhawk – con quattro motorizzazioni, tutte abbinate alla trasmissione automatica a 8 marce di ZF. Il top di gamma, la Summit, esalta la raffinatezza, la SRT è la Jeep di serie con le migliori prestazioni di sempre mentre con il trasferimento della migliore tecnologia per il fuoristrada, la variante Trailhawk diventa il Grand Cherokee con il quale si può affrontare l'offroad più estremo.

Già offerta su Renegade e Cherokee, la nuova variante vocata al fuoristrada dispone di serie di pneumatici Goodyear Adventure da 18" con rinforzo in Kevlar e si distingue per una decalcomania antiriflesso sul cofano. Potenzialmente in grado di superare (quasi) ogni ostacolo e con protezioni paracolpi disegnate per offrire un migliore angolo di attacco, di dosso e uscita, Grand Cherokee Trailhawk monta sospensioni pneumatiche Quadra-Lift sviluppate espressamente (l'altezza da terra minima è di 27,4 centimetri) ed il sistema Quadra-Drive II con differenziale posteriore elettronico a slittamento limitato. Offerto allo stesso prezzo della Overland (71.200 euro), sotto il cofano offre il solo Multijet II da 3 litri e 250 cavalli.


Con Summit, Jeep strizza l'occhio ai clienti più esigenti ed ha praticamente tutto quelle che serve di serie. È l'unico allestimento per il quale sono disponibili tre motori: non solo il turbodiesel da 3.0 litri da 250 cavalli accreditato di consumi di 7 l/100 km (a partire da 77.200 euro), ma anche i due benzina da 3.6 litri e 286 cavalli e da 5.7 litri e 352 cavalli. Esteticamente si distingue per elementi caratteristici sul fascione anteriore, sulla griglia frontale e sui fari fendinebbia a LED. Nuovi sono anche i disegni dei cerchi in lega, solo da 20''. La dotazione di serie include l'impianto audio surround Harman Kardon a diciannove altoparlanti, la funzione Active Noise Cancellation (che rendono l'abitacolo decisamente “ovattato”) nonché il Lane Departure Warning Plus, il Park Assist automatico (perpendicolare e parallelo), il Trailer Hitch Camera View ed il Forward Collision Warning con Crash Mitigation.


Grand Cherokee SRT misura due centimetri e mezzo di lunghezza in più rispetto agli altri allestimenti, 4,846 in totale. Vanta uno spunto da brividi per un veicolo da non meno di 2.400 chilogrammi: l'accelerazione da 0 a 100 orari, accompagnato da un delizioso rombo, avviene in 5 secondi. La velocità massima raggiunge i 257 km/h. Il “cuore” è l'esplosivo motore V8 benzina da 6.4 litri da 488 cavalli con 624 Nm di coppia con il quale, anche nel ciclo combinato, si fa fatica a percorrere 8 chilometri per litro. Il prezzo di questo allestimento è di 91.200 euro.

 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Venerdì 3 Febbraio 2017, 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009