La Smart elettrica raddoppia ora c’è anche a 4 porte: l’autonomia arriva a 160 km

di Nicola Desiderio
TOLOSA - La Smart elettrica è finalmente pronta al lancio, ma sarebbe meglio dire “le” Smart perché, per la prima volta, la versione ED (Electric Drive) sarà disponibile per tutte e tre le declinazioni della piccola di casa Daimler: Fortwo, Forfour e Cabrio. Ed era inevitabile che finisse così, un po’ perché la Smart è la cittadina ideale, un po’ perché è il momento giusto per dare la scossa alla mobilità ad emissioni zero; un po’ anche perché sono oramai 10 anni che Smart sperimenta questa soluzione. Cominciò infatti tutto nel 2007. A Londra avevano deciso di allargare la Congestion Charge verso Ovest e allora qualcuno a Stoccarda pensò: proviamoci! E spuntarono così 100 Smart ad emissioni zero, dotate di motore da 31 kW. Nel 2009 fu il turno dell’Italia con un progetto pilota che toccò Milano, Pisa e Roma. Ma il maggior bagaglio d’esperienza arriva dai 35 milioni di km percorsi dalle 1.400 Electric Drive della flotta di Car2go sulle 14mila in totale dislocate nelle 26 città dove è presente il servizio di car sharing di Smart.
 
 


La nuova Smart elettrica monta un motore da 60 kW e 160 Nm, che arriva dallo stabilimento Renault di Clèone ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio che viene invece da Kamenz, nel land tedesco della Sassonia, dove c’è lo stabilimento della Deutsche Accumotive, una sussidiaria della Daimler dedicata. È formata da 96 celle, ha una capacità di 17,6 kWh ed è alloggiata nel fondo della vettura, la posizione migliore per la sicurezza e per bilanciare l’aumento di peso con l’abbassamento del baricentro. È garantita per 8 anni o 100.000 km.

L’autonomia dichiarata è di 155-160 km e si ricarica in 6 ore dalla presa domestica che diventano 3,5 ore con la wallbox, ma in autunno ci sarà il caricatore rapido da casa che garantisce l’80% in 45 minuti. Per controllare e gestire il processo a distanza c’è una app specifica che consente anche di impostare la climatizzazione. Originale il sistema di recupero dell’energia che sfrutta il radar anteriore adattandosi al traffico: in rilascio lascia scivolare quando di fronte è libero e invece si intensifica, rallentando di più, quando c’è una vettura che precede. Da fuori le Smart elettriche si riconosceranno dalla scritta ED e dalle personalizzazioni tra cui quella (consigliatissima) in nero con cellula Tridion verde, magari arricchita dagli accessori Brabus per dare un tocco più sportivo, legittimato pienamente dalle prestazioni, perché la versione a batteria è nettamente più rapida nello scatto e in ripresa di qualsiasi altra Smart.
 


La Fortwo, in particolare, schizza via che è un piacere ogni volta che si tocca l’acceleratore. La Forfour ha qualcosa in meno in termini di prestazioni pure – 0-100 km/h in 12,7 s. invece di 11,5 – ma colpisce per il comfort e la silenziosità, anche in tangenziale. La velocità è limitata per entrambe a 130 km/h. Le Smart ED saranno prodotte insieme alle loro sorelle a benzina: la Fortwo ED ad Hambach e parte da 23.819 euro, la Forfour a Novo Mesto (Slovenia) e costa 24.559. Identica anche l’articolazione della gamma: si può scegliere tra gli allestimenti Youngster, Passion, Prime e Proxy.
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 9 Aprile 2017, 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Skoda Karoq, il Suv compatto che affianca il fratello maggiore Kodiaq
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009