Montecarlo, Neuville (Hyundai) non si dà pace. Ogier (Ford) e Latvala (Toyota) increduli

di Mattia Eccheli
MONTECARLO – La gioia e la delusione sono scolpiti nei volti dei protagonisti dell'85° Rally di Montecarlo, quello che apre una nuova era nella specialità. Con vetture più performanti e tecnologiche, con quattro costruttori che puntano al titolo e con il più alto numero di piloti esperti al via degli ultimi anni. Thierry Neuville, in testa per quasi tre quarti di gara e con un vantaggio rassicurante con la sua Hyundai i20 Coupé WRC, appartiene naturalmente alla schiera dei delusi: «Sono amareggiato, soprattutto per il team – ha confessato – perché aveva lavorato così duramente. Volevamo portare a casa la vittoria , ma sfortunatamente non questa volta».

E se il belga è il primo della lista dei delusi, in quella di chi sorride ci sono i tre ex compagnia di scuderia di Volkswagen Motorsport. Sébastien Ogier (Ford Fiesta RS 2017) in testa: «Sinceramente -  ha commentato – speravo e mi aspettavo che saremmo riusciti a vincere. Ma subito, al primo rally dopo appena un mese di lavoro assieme e con così poco preparazione... è semplicemente fantastico». Il campione del mondo getta acqua sul fuoco degli entusiasmi: «Questo non significa che la stagione sarà semplice. Dobbiamo continuare a lavorare».

Al Suo debutto con il Toyota Gazoo Racing Team e con la Yaris da competizione, il finnico Jarri-Matti Latvala è salito sul podio, dopo una lunga rincorsa resa possibile anche dall'uscita di scena di diversi avversari: «È bellissimo arrivare secondi già alla prima gara (con la nuova scuderia, ndr)», ha sintetizzato. «Un grande ringraziamento alla squadra: ha fatto un lavoro fantastico e merita questo piazzamento», ha aggiunto.

La valutazione di Andreas Mikkelsen, l'unico dei tre a non aver trovato un volante nel WRC1, è sostanzialmente analoga: «Sono molto contento per Skoda. Congratulazioni ai ragazzi», ha esultato confermando l'impegno nel cercare una soluzione che gli consenta di competere per il mondiale. Perfino in casa Citroën c'è chi sorride: è Craig Breen, che ha parlato di condizioni terribili, anche nell'ultimo stage. «È stato un fine settimana abbastanza buono – ha osservato – Siamo riusciti a percorrere alcuni tratti a velocità buone malgrado il fondo difficile. È un'esperienza che ci portiamo in Svezia».
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 22 Gennaio 2017, 15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Un flash della recente storia italiana attraverso la storia della Piaggio. Al pari di altre grandi aziende come Fiat e Pirelli, la società di Pontedera ha legato la sua evoluzione e i suoi...
Toyota al salone di Ginevra 2017. Intervista ad Andrea Carlucci
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009