Montecarlo, Ogier (Ford) passa in testa. Neuville (Hyundai) sbatte ed è fuori dai giochi

di Mattia Eccheli
MONTECARLO – La prima tappa del FIA World Rally Championship è una gara ad eliminazione. Dopo essere sempre stato in testa alla prova di Montecarlo, Thierry Neuville è andato largo in una curva che egli stesso ha definito lenta sbattendo contro una roccia bucando una gomma e danneggiando la sospensione. Il pilota della Hyundai che con la sua i20 Coupé WRC aveva vinto cinque speciali ha consegnato il primato al campione del mondo uscente Sébastien Ogier (Ford Fiesta WRC 2017).

Il belga è precipitato dalla prima alla quindicesima posizione e accusa oltre 32 minuti dalla testa. Precede comunque Juho Hännine (Toyota), che è sedicesimo, e Chris Meeke (Citroën), che è trentottesimo, entrambi in lotta con le proprie scuderie anche per il titolo costruttori.

Il sogno di Neuville si è infranto all'ultimo stage della terza delle quattro giornate di gara. Nelle cronometrate precedenti aveva accumulato un rassicurante margine di 51 secondi su Ogier, che è sembrato aver scelto una strategia “prudente”. Al suo debutto mondiale con l'Ovale Blu, il fuoriclasse francese si ritrova di nuovo in testa, come nelle ultime quattro stagioni.

La “rivelazione” è l'estone Ott Tänak, che sempre su Ford, si è saldamente insediato in seconda posizione a 47'' dal compagno di squadra della M-Sport e con quasi 100 secondi di vantaggio su Jari-Matti Latvala al volante della prima delle Yaris WRC con la quale il Toyota Gazoo Racing Team è rientrato al mondiale. L'ambiziosa Citroën si deve per il momento accontentare della quarta piazza provvisoria di Craig Breen (3.47 da recuperare su Ogier). Hyundai è rimasta competitiva con il solo Dani Sordo, quinto a 4.03 dopo la decisione della scuderia di ritirare la vettura dello scosso Hayden Paddon, la cui vettura aveva sbandato contro una roccia provocando la morte di un cinquantenne spagnolo. L'ultimo dei “transfughi” di Volkswagen, Andreas Mikkelsen, è settimo assoluto con la Skoda Fabia R5 del WRC2, dietro alla terza Ford, quella di Elfyn Evans, che si è tolto la soddisfazione di vincere ben tre stage. Il miglior equipaggio italiano è sempre quello composto da Andrea Crugnola e Michele Ferrara (Ford Fiesta R5), diciannovesimo.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 22 Gennaio 2017, 16:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Un flash della recente storia italiana attraverso la storia della Piaggio. Al pari di altre grandi aziende come Fiat e Pirelli, la società di Pontedera ha legato la sua evoluzione e i suoi...
Toyota al salone di Ginevra 2017. Intervista ad Andrea Carlucci
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009