WRC, Hyundai in chiaroscuro a Montecarlo: la macchina c'è, ora serve più continuità

di Claudio Margarita
MONTECARLO – «Montecarlo è sempre divertente, ma questa volta ha sancito un avvio di stagione entusiasmante», sintetizza Michel Nandan, numero uno del Motorsport di Hyundai. La scuderia coreana ha vissuto un fine settimana altalenante: dall'incidente di Hayden Paddon (con rispettoso ritiro della vettura in segno di lutto per la vittima spagnola del sinistro) alla solida leadership di Thierry Neuville, fino alla sua sbandata ed al successo nel power stage finale con il solo Dani Sordo nella Top 10 finale.

«Non abbiamo ottenuto il risultato desiderato (Neuville ha chiuso 15esimo, ndr), ma abbiamo imparato qualcosa da questo fine settimana», aggiunge il manager. «Abbiamo rilevato alcune positive tendenze nel livello di prestazioni dell'auto, per le quali dobbiamo ringraziare il team che ha lavorato instancabilmente a questo progetto», commenta ancora.

L'aggiornata i20 è sembrata essere affidabile, come hanno confermato le 6 speciali (su 15 disputate: anche il secondo passaggio sulla Luceram-Col St. Roch è stato annullato) vinte dal belga, compresa quella finale che gli ha permesso almeno di guadagnare 5 preziosi punti. Neuville è pur sempre il vice campione del mondo in carica e l'obiettivo minimo è quello di confermare lo stesso risultato del 2016: «Nel Power Stage volevamo fare pressione e raccogliere qualche punto», confessa il belga. «Quando abbiamo visto la nevicata sapevamo che sarebbe stato ancora più difficile. La vittoria è stata una consolazione per quello che abbiamo perso nel week end», conclude.

Con l'affermazione di Dani Sordo, Hyundai ha vinto praticamente la metà degli stage corsi (7 su 15) dimostrando di poter competere ad alto livello, come era anche logico attendersi dopo i progressi evidenziati in questi anni. «La vittoria della frazione – concede il pilota spagnolo – è stata salutare per l'autostima». Nella classifica individuale, Sordo è quarto con 13 punti, Neuville nono con 5. Fra i costruttori Hyundai è terza con 20, la metà di quelli di M-Sport, che è prima.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 24 Gennaio 2017, 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009