WRC, Hyundai in chiaroscuro a Montecarlo: la macchina c'è, ora serve più continuità

di Claudio Margarita
MONTECARLO – «Montecarlo è sempre divertente, ma questa volta ha sancito un avvio di stagione entusiasmante», sintetizza Michel Nandan, numero uno del Motorsport di Hyundai. La scuderia coreana ha vissuto un fine settimana altalenante: dall'incidente di Hayden Paddon (con rispettoso ritiro della vettura in segno di lutto per la vittima spagnola del sinistro) alla solida leadership di Thierry Neuville, fino alla sua sbandata ed al successo nel power stage finale con il solo Dani Sordo nella Top 10 finale.

«Non abbiamo ottenuto il risultato desiderato (Neuville ha chiuso 15esimo, ndr), ma abbiamo imparato qualcosa da questo fine settimana», aggiunge il manager. «Abbiamo rilevato alcune positive tendenze nel livello di prestazioni dell'auto, per le quali dobbiamo ringraziare il team che ha lavorato instancabilmente a questo progetto», commenta ancora.

L'aggiornata i20 è sembrata essere affidabile, come hanno confermato le 6 speciali (su 15 disputate: anche il secondo passaggio sulla Luceram-Col St. Roch è stato annullato) vinte dal belga, compresa quella finale che gli ha permesso almeno di guadagnare 5 preziosi punti. Neuville è pur sempre il vice campione del mondo in carica e l'obiettivo minimo è quello di confermare lo stesso risultato del 2016: «Nel Power Stage volevamo fare pressione e raccogliere qualche punto», confessa il belga. «Quando abbiamo visto la nevicata sapevamo che sarebbe stato ancora più difficile. La vittoria è stata una consolazione per quello che abbiamo perso nel week end», conclude.

Con l'affermazione di Dani Sordo, Hyundai ha vinto praticamente la metà degli stage corsi (7 su 15) dimostrando di poter competere ad alto livello, come era anche logico attendersi dopo i progressi evidenziati in questi anni. «La vittoria della frazione – concede il pilota spagnolo – è stata salutare per l'autostima». Nella classifica individuale, Sordo è quarto con 13 punti, Neuville nono con 5. Fra i costruttori Hyundai è terza con 20, la metà di quelli di M-Sport, che è prima.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 24 Gennaio 2017, 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Comunque vada sarà un successo. Due vittorie in tre gare e un ottimo secondo posto. Vettel guida dall’inizio il Mondiale Piloti ed ora la Ferrari è in testa anche in quello...
La concept car Renault R.S. 2027 Vision esplora il futuro della Formula 1
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RIVOLUZIONE
Le retromarce, l'inversione di marcia, i posteggi e le uscite dalle aree di parcheggio, ma...
OCCHIO ALLA BICI
Ciclisti in strada
ROMA - Novità sostanziose in vista per gli amanti delle due ruote senza motore e...
AVVIO INASPETTATO
Thierry Neuville (Hyundai) ha vinto il tour de Corse
AJACCIO – Difficile immaginare un avvio più intrigante: con il successo di Thierry...
WTCC
Tiago Monteiro
MARRAKECH – Il fine settimana inaugurale (dopo le prove generali di Monza) del FIA World...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009