WRC, la nuova sfida di Toyota nel mondiale rally: un team finnico per puntare in alto

di Mattia Eccheli
MONTECARLO – L'offensiva planetaria di Toyota nel motorsport abbraccia anche il rally, specialità nella quale ha deciso di tornare a voler essere protagonista a 18 anni dall'ultima apparizione. Il Gazoo Racing Team comincia la stagione 2017 del World Rally Championship con due auto, entrambe a guida finlandese: una è affidata Jari-Matti Latvala (16 vittorie in carriera, uno dei più vincenti fra quelli in attività dopo l'inarrivabile Ogier), lasciato libero da Volkswagen dopo l'addio alle competizioni, e l'altra a Jujo Hänninen.
 


Entrambi i piloti sono “esperti” (classe '85 uno e '81 l'altro) e saranno navigati da Miika Anttila e Kaj Lindström. Una scelta che potrebbe lasciar intendere che c'è ancora bisogno di lavorare allo sviluppo dell'auto. Del resto, almeno in alcune prove, Toyota Gazoo Racing schiererà anche una terza auto al cui volante ci sarà Esapekka Lappi, il 25enne, rigorosamente di nazionalità finlandese, fresco campione del mondo del WRC2. “Strappato” a Skoda, Lappi sarà accompagnato da Janne Ferm, sarà il collaudatore ufficiale e, verosimilmente, sarà l'uomo del domani della scuderia se la stagione dovesse dare risultati almeno confortanti.

Per il rilancio nel mondiale di rally, Toyota ha sviluppato Yaris in versione WRC. Se n'è occupato il quattro volte iridato Tomi Mäkinen, che ha preteso di poterci lavorare direttamente nella propria fattoria, in Finlandia. Il connubio nippo-finnico ha come punto d'incontro il quartier generale di Toyota Motorsport GmbH, che si trova a Colonia, in Germania. Sotto il cofano del “piccolo genio” da competizione c'è un motore turbo da 1.6 litri ad iniezione diretta da 380 cavalli accoppiato a trazione integrale (con tre differenziali, incluso quello centrale a controllo elettronico) e cambio sequenziale a sei rapporti.

La casa giapponese ha una tradizione da difendere: dopo aver debuttato nel rally del 1973, ha centrato quattro successi individuali (due con Carlos Sainz ed uno con Juha Kankkunen e Didier Auriol) e tre costruttori. Dopo l'ultimo, nel 1999, ha abbandonato la specialità. “Per me è come un ritorno a casa”, ha assicurato Latvala. Non tanto per la Finlandia, quanto perché aveva esordito al volante di una Corolla GT: era il 2001. La Yarus WRC è un'incognita per gli osservatori, ma non per Mäkinen: “Penso che abbiamo fatto qualcosa che presto vi saprà sorprendere”.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Mercoledì 18 Gennaio 2017, 15:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Comunque vada sarà un successo. Due vittorie in tre gare e un ottimo secondo posto. Vettel guida dall’inizio il Mondiale Piloti ed ora la Ferrari è in testa anche in quello...
La concept car Renault R.S. 2027 Vision esplora il futuro della Formula 1
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RIVOLUZIONE
Le retromarce, l'inversione di marcia, i posteggi e le uscite dalle aree di parcheggio, ma...
OCCHIO ALLA BICI
Ciclisti in strada
ROMA - Novità sostanziose in vista per gli amanti delle due ruote senza motore e...
AVVIO INASPETTATO
Thierry Neuville (Hyundai) ha vinto il tour de Corse
AJACCIO – Difficile immaginare un avvio più intrigante: con il successo di Thierry...
WTCC
Tiago Monteiro
MARRAKECH – Il fine settimana inaugurale (dopo le prove generali di Monza) del FIA World...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009