Alfa Romeo Stelvio, al debutto due nuovi motori e la trazione posteriore

ROMA - Interessanti novità per i clienti del Suv del Biscione nel ''porte aperte'' dell'Alfa Romeo Stelvio previsto nelle concessionarie italiane per il prossimo weekend dell'8-9 aprile. Si tratta dell'ampliamento dell'offerta motori con due nuove unità, della disponibilità della trazione posteriore e di un'offerta ampliata per quello che riguarda gli accessori. In contemporanea vengono introdotte nuove proposte sulla gamma Giulia.
 
 


Debuttano, quindi, sul mercato italiano le varianti da 200 cv del 2.0 Turbo benzina, abbinato a una trasmissione a quattro ruote motrici, e da 180 cv del turbodiesel 2.2, proposto solo con la trazione posteriore. Quest'ultima fa scendere il prezzo d'attacco della gamma del Suv italiano ai 47.300 euro dell'allestimento Business. Le due proposte si affiancano in listino al 2.0 Turbo Benzina 280 cv e al 2.2 Turbo Diesel 210 cv, entrambi con cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4.

Il debutto della trazione posteriore promette divertimento di guida agli alfisti ma anche un bel risparmio. Oltre a permettere un prezzo sotto i 50mila euro, la sua adozione, abbinata al cambio automatico a 8 rapporti, ha assicurato una riduzione del peso del veicolo, che ora fa segnare 1.604 kg, ce si ripercuote positivamente sui consumi. Lo Stelvio 2.0 RWD percorre, infatti, 100 chilometri bruciando solo 4,7 litri di gasolio nel ciclo misto ed emette in media 124 grammi al chilometro di CO2. La trazione posteriore è poi attesa in arrivo anche sul nuovo benzina turbo da 200 cv.
 


Prodotti in Italia, negli stabilimenti di Termoli (benzina) e Pratola Serra (gasolio), in aree dedicate ai motori Alfa Romeo, questi due propulsori appartengono a una nuova generazione di quattro cilindri: sono realizzati interamente in alluminio e con processi e metodologie all'avanguardia che li proiettano ai vertici delle loro categorie per prestazioni ed efficienza. Il 2.2 Diesel da 180 cv eroga una coppia massima di 450 Nm a 1.750 giri/min, adotta il sistema d'iniezione di ultima generazione MultiJet II con Injection Rate Shaping (IRS) e pressioni d'esercizio di 2.000 bar e dispone di un turbocompressore a geometria variabile ad attuazione elettrica. Sullo Stelvio permette una velocità massima di 210 km/h e uno 0 a 100 km/h in 7,6 secondi.

Il motore 2.0 Turbo benzina da 200 cv prevede l'albero di trasmissione in carbonio. Oltre al sistema elettroidraulico di attuazione valvole MultiAir, vanta l'iniezione diretta con sistema ad alta pressione da 200 bar e una coppia massima di 330 Nm a 1.750 giri. Le performance promesse sono 215 km/h di velocità massima e 7,2 secondi nello 0 a 100 km/h. Contestualmente con il lancio dei due nuovi propulsori la gamma di Stelvio si arricchisce di due contenuti: il raffinato interno di colore cioccolato e l'interno sportivo che include inserti in alluminio, ambiente nero, volante in pelle e sedili sportivi riscaldati ad alto contenimento, con rivestimento in pelle, regolazione elettrica a 6 vie e fianchetti regolabili elettricamente.

Novità in arrivo anche per la berlina Giulia. Da questo mese entra in gamma il 2.2 diesel da 180 cv abbinato alla trazione integrale Q4 e al cambio automatico, disponibile con l'allestimento Super (prezzo 46.000 euro) che, tra gli equipaggimenti disponibili, prevede i sedili elettrici anteriori regolabili elettricamente, gli specchi retrovisori esterni ripiegabili elettricamente e i dischi freno maggiorati.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Mercoledì 5 Aprile 2017, 12:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009