CX-5, bella con l'anima: Mazda lancia la seconda generazione del suo Suv

di Lorenzo Baroni
SIENA - Mettere il guidatore al centro dell’auto, farlo sentire al posto giusto e contornarlo di tutte le attenzioni automatizzando, rendendo naturale e facile ogni sua necessità e movimento. Insomma un’auto pensata e progettata intorno al proprio pilota, sia dal punto di vista dell’ergonomia che del feeling di guida. Questo l’obbiettivo dichiarato dal grande capo di Mazda Masamichi Kogai e perseguito dai suoi progettisti capitananti da Kioshi Fujiwara. Attraverso di loro e dalle loro idee sono scaturite le Mazda degli ultimi anni, una serie di nuovi modelli che hanno ampliato la gamma a inediti segmenti e hanno fortemente rivitalizzato l’intero brand portandolo verso una grande crescita di volumi costante di anno in anno.
 
 


Gran parte di questo successo inizia proprio nel 2012 dalla Mazda CX-5, la prima auto della nuova era di Mazda che oltre a debuttare a testa alta nel settore dei Suv di segmento C introduceva contemporaneamente anche le due tecnologie su cui ricostruire il resto della gamma negli anni seguenti. Si tratta dei motori diesel e benzina con architettura Sky Active e poi di quella cura del design estetico e negli interni che va sotto il nome di Kodo Design.
Questo ha fatto si che la CX-5 divenisse in poco tempo la vera regina tra i prodotti Mazda trainando le vendite di questo marchio verso risultati da record per il marchio giapponese. Così, dopo il rinnovamento di tutta la gamma e l’arrivo anche del piccolo Suv CX-3, si ricomincia dalla CX-5 rinnovandola completamente tanto nell’estetica quanto negli interni.

La CX-5 targata 2017 cerca di mantenere tutti i punti di forza della versione precedente, ampliandone il raggio d’azione e migliorandone alcuni aspetti, il tutto con l’obbiettivo di consegnare ai clienti un’auto con una personalità rafforzata e più attenta alle esigenze del guidatore. La nuova CX-5 propone un design moderno, filante e ben realizzato, che unisce praticità e spazio a bordo a finiture interne tipiche dei segmenti premium. Più lunga e più bassa rispetto alla vettura che l’ha preceduta, propone un comportamento stradale più preciso e incisivo. Esteticamente rappresenta un’evoluzione dello stile Kodo e lo fa utilizzando fari più sottili, un parabrezza arretrato e un raccordo più filante con il cofano: qui i tergicristalli scompaiono dalla vista laterale risultando incassati sotto la zona terminale del cofano. Questa soluzione, oltre a rendere più pulito e lineare il profilo dell’auto, ne migliora anche l’aerodinamica e ne riduce fortemente la formazioni di vorticità e turbolenze a tutto vantaggio del comfort, della rumorosità e della insonorizzazione all’abitacolo.

L’idea attorno al quale è sviluppato la nuova Mazda CX-5 è quella della comodità: vanno in questa direzione i sedili progettati per ridurre la stanchezza del guidatore e il miglioramento dell’isolamento acustico ottenuto con nuove guarnizioni sia sulle portiere che sulla carrozzeria. Esteticamente balzano alla vista la linea di cintura alta e le superfici vetrate laterali allungate e sfuggenti. Spostandoci all’intendo dell’auto scopriamo una consolle centrale totalmente ridisegnata nella forma e spostata più in alto con all’interno anche nuove bocchette per l’aria. Si rinnovano anche i display della strumentazione con uno schermo a colori TFT da 4,6 pollici e il nuovo head-up display che proietta dati sul parabrezza.

Tre le motorizzazioni disponibili tutte con sistema Skyactive che innalza il rapporto di compressione dei motori a benzina e riduce quello dei diesel. Si tratta di due diesel entrambi Skyactive-D da 2.200 cc (con potenza da 150 oppure da 175 cv) il motore benzina denominato Skyactive-G ha una cilindrata di 2.000 cc, un rapporto di compressione di 14:1, la coppia è di 210 Nm e la potenza pari a 165 cv (160 cv nel caso della trazione integrale AWD).

La nuova CX-5 dal punto di vista dinamico introduce anche un’evoluzione del sistema G-Vectoring Control (GVC) che punta a migliorare il comfort di marcia dal momento che il dispositivo agisce contemporaneamente su molteplici parametri dell’auto (carico motore, coppia potenza e ruote) il tutto per garantire comfort e migliorare la trazione e il grip tra ruote e asfalto. Migliora anche il livello di vibrazioni e di rumorosità del cuore a gasolio che ora diventa ancora più ovattato e silenzioso mentre lo sterzo si mantiene preciso e piacevole nella guida, rendendo l’auto maneggevole e divertente da guidare sui percorsi più tortuosi, merito anche delle sospensioni multilink posteriori che svolgono un buon lavoro in sinergia con un telaio rigido e dai pesi ben distribuiti tra anteriore e posteriore. Ancora qualche riserva sul prezzo che sarà comunque allineato a quello della precedente versione, mentre la consegna dei primi modelli è prevista in Italia poco prima della prossima estate.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 26 Marzo 2017, 15:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009