Land Rover svela Project Hero, una Discovery dotata di drone per il soccorso estremo

di Mattia Eccheli
GINEVRA – Il soccorso intermodale è griffato dalla divisione Operazioni Speciali di Jaguar Land Rover. La versione Project Hero di Land Rover Discovery sviluppata dalla SVO del costruttore britannico integra un drone ed una pista di atterraggio. La tecnologia è “autocentrante e a ritenzione magnetica”, vale a dire che il piccolo velivolo senza pilota può rientrare anche con il veicolo in movimento.

La esclusiva Discovery Project Hero esibita al Salone di Ginevra è stata messa a punto assieme alla Croce Rossa ed alla Mezzaluna Rossa, le cui attività sono sostenute a livello globale da Land Rover dal 1954 (120 veicoli forniti finora). Si tratta di un mezzo di “comunicazione avanzata” sviluppato con la federazione austriaca: a partire da giugno verrà affidato per 12 mesi ai centri di addestramento di Erzberg e di Vienna. È stato disposto il suo impiego nelle simulazioni per lo sviluppo di nuove tecniche di intervento in caso di calamità ed in test specifici con scenari complessi. Il suo utilizzo di supporto è già stato deliberato anche in caso di emergenze reali. L'obiettivo è quello di accelerare i tempi di risposta in caso di calamità.

Alle capacità terrestri del nuovo Discovery (tra le altre cose anche 3.500 chilogrammi di capacità di traino) si sommano le potenzialità aree del drone, un Align M480L da 2,7 chilogrammi di peso e 5,5 di carico utile, batteria e sensori inclusi. L'autonomia di volo è di 20 minuti a vuoto: anche se un po' ridotta per effetto di eventuali macchinari trasportati, il drone telecomandato può raccogliere e inoltrare preziose immagini ai soccorritori per pianificare gli interventi. La velocità massima è di 54 km/h e può venire controllato fino ad un chilometro di distanza.

Discovery Project Hero dispone del motore TD6 da 3.0 litri equipaggiato con un pianale scorrevole Heavy-duty che può venire impiegato come superficie di lavoro aggiuntiva o come protezione del carico sottostante, con un pannello separatore dietro la seconda fila di sedili e con punti di attacco aggiuntivi per attrezzature, con un impianto di illuminazione LED per la visione notturna, prese di corrente compatibili con le spine in uso nelle varie regioni e impianto radio multifrequenze.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 9 Marzo 2017, 13:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Corrida e spettacolo a Barcellona. Sorpassi, contatti, ruotate, ma alla fine nessuna polemica e un gran premio entusiasmante che ha mandato in delirio il folto pubblico. Come quasi sempre è...
Skoda Karoq, il Suv compatto che affianca il fratello maggiore Kodiaq
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009