Range Rover Velar, protagonista a Ginevra: stile all'avanguardia e contenuti al top

GINEVRA - Accattivante, elegante, dallo stile originale ma al contempo tipicamente Range Rover, la nuova Velar è una delle grandi protagoniste del Salone di Ginevra. Il Quarto modello della Casa britannica ha tutte le carte in regola per diventare un nuovo fenomeno di moda, sulla scia del successo commerciale della Evoque.
 
 


Per dimensioni e target di clientela il nuovo Suv si posiziona tra la Evoque e la Sport. Forte di una leggera e robusta struttura in alluminio, è la vettura più curata dal punto di vista aerodinamico mai prodotta dalla Land Rover. Per questo tipo di veicoli vanta un Cx di rilievo, solo 0,32. Il merito di un risultato simile va alla collaborazione tra i team Design e Engineering, all'utilizzo per la progettazione della fluidodinamica computazionale e a numerosi test nella galleria del vento. Un valore che, nella guida di tutti i giorni, significa maggior efficienza, minori consumi e un più elevato comfort ad andature elevate.

A livello di stile da sottolineare la disponibilità fra due differenti frontali. I modelli R-Dynamic montano, infatti, un esclusivo paraurti anteriore più alto, con prese d'aria maggiorate che amplificano il raffreddamento e la presenza scenica del veicolo. Su tutta la gamma i fari sono full LED garantiscono personalità anche di notte mentre nella dotazione accessori sono disponibili proiettori ancora più sofisticati, di tipo Matrix LED. Queste sono caratterizzate anche da particolari luci diurne e da indicatori di direzione animati, che scorrono attraverso i fari nella direzione di svolta, migliorando la sicurezza nelle manovre. Anche i fendinebbia sono a LED e con la loro forma sottolineano il binomio design-tecnologia, integrandosi perfettamente nella grafica nera che circonda la base della scocca. Infine sono a LED anche i fanali e i retronebbia.

L'abitacolo della Velar è spazioso e confortevole come si conviene a una Range e come si aspetta la clientela premium. Un fattore che sorprende piacevolmente è la spaziosità del vano bagagli: con 673 litri non solo è al vertice della categoria ma sfida per capienza anche alcuni veicoli del segmento superiore.

Per facilitare il ripiegamento dei sedili posteriori, le relative leve di sgancio sono ubicate nel vano bagagli. La suddivisione 40:20:40 dei sedili comprende anche lo sportello per il trasporto di sci o altri oggetti lunghi; con i sedili posteriori ripiegati il vano di carico raggiunge i 1.731 litri e misura 1.795 x 1.247 mm, una vera piazza d'armi.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 7 Marzo 2017, 13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Comunque vada sarà un successo. Due vittorie in tre gare e un ottimo secondo posto. Vettel guida dall’inizio il Mondiale Piloti ed ora la Ferrari è in testa anche in quello...
La concept car Renault R.S. 2027 Vision esplora il futuro della Formula 1
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RIVOLUZIONE
Le retromarce, l'inversione di marcia, i posteggi e le uscite dalle aree di parcheggio, ma...
OCCHIO ALLA BICI
Ciclisti in strada
ROMA - Novità sostanziose in vista per gli amanti delle due ruote senza motore e...
AVVIO INASPETTATO
Thierry Neuville (Hyundai) ha vinto il tour de Corse
AJACCIO – Difficile immaginare un avvio più intrigante: con il successo di Thierry...
WTCC
Tiago Monteiro
MARRAKECH – Il fine settimana inaugurale (dopo le prove generali di Monza) del FIA World...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009