La Fiat 500 Dolcevita

500 Dolcevita rilancia la piccola 62enne di casa Fiat. Napolitano: «Pronti per l’elettrica, arriverà a primavera 2020»

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

ROMA - Palazzo Poli è una residenza storica affacciata sulla Fontana di Trevi, lì dove Federico Fellini affidò alla sua cinepresa, e alle indimenticabili forme di Anita Ekberg, quella che è rimasta l’immagine simbolo della Dolce Vita, quella sospesa tra le frenesie di un jet-set senza pudori e le scorribande di paparazzi assetati di scoop. E proprio qui, nell’atrio dell’antico palazzo romano affacciato sulla mitica fontana romana, mamma Fiat (forse meglio dire nonna Fiat, visti i 120 anni vita appena compiuti) ha presentato la Dolcevita di oggi (scritto tutto attaccato e in elegante corsivo), versione speciale della 500, l’auto che il 4 luglio ha compiuto 62 anni dimostrando di sentirsi più giovane che mai.
 

Diversamente dalla progenitrice, che era un’utilitaria piccola, spartana, economica e poco prestazionale, la 500 di oggi è – come noto - una city car decisamente glamour, sempre più apprezzata nelle versioni più ricche e meglio equipaggiate, disponibile con motorizzazioni benzina, diesel e Gpl e quasi pronta a debuttare anche in versione totalmente elettrica: nel giorno del compleanno lo ha confermato Luca Napolitano, responsabile di Fiat per l’area Emea (Europa, Africa, Medio Oriente), specificando che “la commercializzazione della 500 a zero emissioni verrà avviata la prossima primavera, subito dopo il Salone di Ginevra del marzo 2020”. Nell’occasione il manager dello storico marchio del Made in Italy ha tenuto a ricordare anche l’evento celebrativo dei 62 anni organizzato al Lingotto, dove un centinaio di 500 di dipendenti Fiat sono state disposte sul tetto della storica fabbrica, lì dove un tempo sorgeva la pista di collaudo, formando la scritta “HAPPY BIRTHDAY 500”.

Intanto i piani commerciali vanno avanti con questa serie speciale denominata Dolcevita che forse meglio di tutte le sorelle della gamma incarna lo spirito del modello. Il discorso riguarda in particolare la versione Cabrio, che si distingue per la copertura in tela colorata in bianco e blu a strisce, una trovata che richiama certi ombrelloni da spiaggia, impreziosita da una linea rossa che corre intorno a tutta la carrozzeria, cofani compresi, e da altre piccole trovate, come le scritte cromate Dolcevita in corsivo, i cerchi in lega in bianco diamantato da 16 pollici, le modanature in legno e la pelle Poltrona Frau della selleria, per non dire della tinta (unica) in bianco gelato.
 

 

Per il solo mese di luglio, la versione Cabrio della 500 Dolcevita (decisamente la più attraente) viene proposta al medesimo prezzo della 500 Dolcevita chiusa, vale a dire 20.500 euro (invece di 23.200). L’unica motorizzazione possibile per la scoperta è la 1.2 benzina da 69 cv, che può essere richiesta anche con cambio automatico Dualogic, in alternativa al manuale 5 marce. 21.750 è il prezzo della 500 Dolcevita con motore 0.9 TwinAir Turbo; 22.250 quello della versione a Gpl, entrambe disponibili soltanto con carrozzeria chiusa.

Come tradizione consolidata (sono una trentina le 500 speciali di nuova generazione succedutesi negli ultimi dodici anni) vengono proposte dalla Fiat diverse formule d’acquisto, in testa il finanziamento di FCA Bank, che abbatte il prezzo di 1.200 euro (ma si porta dietro il carico degli interessi legati alla rateizzazione).


 

  • condividi l'articolo
Domenica 7 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 16-07-2019 17:20 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti