Il Suv Izera ancora in formato prototipo

Izera, le auto elettriche made in Poland con stile italiano. Svelati Suv e berlina sviluppati assieme a Torino Design

  • condividi l'articolo

ROMA - Si chiama Izera, come la catena montuosa della Polonia sud-occidentale, il nuovo brand di ElectroMobility Polonia che lancerà entro il 2023, prima nel mercato interno e successivamente in altri Paesi europei, due inediti veicoli elettrici il cui stile è nato in Piemonte alla Torino Design che ha sede a Villa Gualino. L’originale logo, che ricorda un diamante circondato da due mani a simboleggiare l’attenzione per l’uomo, debutta sul frontale di una elegante berlina e di un suv dalle dimensioni ‘importantì che sono stati svelati, assieme al nome, durante una premiere on-line da Piotr Zaremba, Ceo di ElectroMobility Poland. «Abbiamo raggiunto una fase cruciale del progetto e abbiamo deciso di condividere i risultati dei nostri lavori con il pubblico - ha detto Zaremba - Apprezziamo davvero il fatto che un gruppo di brillanti consulenti con grande esperienza automobilistica siano stati coinvolti nel nostro progetto.

 È per questo che i nostri prototipi si distinguono per un design moderno e interessante e per soluzioni tecnologiche all’avanguardia. Il nostro obiettivo prioritario era quello di proporre un’ auto familiare spaziosa che garantisse comodi spostamenti. Lo stile esterno ha avuto fin dall’inizio un ruolo importante poiché dagli studi che abbiamo condotto è risultato che i polacchi apprezzano maggiormente il design nelle auto che desiderano, a parte alcune caratteristiche funzionali». Zaremba ha ricordato i modelli presentati sono prototipi e «non le versioni definitive delle auto che si veranno sulle strade. Ma è certo che i modelli definiti per la produzione manterranno i caratteri dei veicoli presentati». Il design esterno del suv e della berlina Izera è stato sviluppato tenendo conto del fatto che il nuovo brand sarà destinato alle famiglie. Ci ha lavorato accanto a ingegneri e designer polacchi, lo studio Torino Design, fondato 15 anni fa da Roberto Piatti e che ha già collaborato con marchi europei e globali, anche del segmento premium. Consulente del progetto è stato Tadeusz Jelec, designer Jaguar di lunga data: «Abbiamo trascorso lunghe ore a creare l’aspetto dei prototipi - ha detto - Scorrendo le opere degli artisti polacchi contemporanei, abbiamo cercato ispirazioni e punti di riferimento per sottolineare il carattere Made in Poland del nostro marchio.

Allo stesso tempo, era estremamente importante che la forma dell’ auto suscitasse emozioni positive. Questo perché dovrà essere un’ auto di famiglia». Le due auto Izera sono state progettate con straordinaria attenzione ai dettagli: questo è visibile sia nel profilo della potente carrozzeria del suv, sia nella intelligente berlina. I passaruota sporgenti sono elementi distintivi che catturano immediatamente l’attenzione. Il loro aspetto forte è ammorbidito da pochi spigoli vivi e delicate transizioni. La forma innovativa è sottolineata da proporzioni che sono ormai caratteristiche delle auto elettriche: sporgenze corte e abitacolo spostato verso l’avantreno. «Quello che volevamo ottenere era un design moderno seguendo le ultime tendenze dell’industria automobilistica globale - ha aggiunto Roberto Piatti di Torino Design - Inoltre, volevamo enfatizzare il carattere unico dell’ auto, in modo che tutti identificassero queste auto su strada come una Izera».

 Sviluppate a livello tecnologico assieme ad EDAG Engineering le nuove vetture elettriche polacche potranno accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 8 secondi e offrire un’autonomia fino a 400 km. I progettisti del marchio Izera hanno prestato particolare attenzione anche ai sistemi avanzati di assistenza alla guida, a seguito dei quali le auto saranno dotate di ESC (sistema di controllo elettronico della stabilità), FCW (sistema di avviso di collisione frontale), BSW (sistema di rilevamento del punto cieco), TSR (sistema di riconoscimento dei segnali stradali) e altri ancora.

  • condividi l'articolo
Domenica 2 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento: 20:03 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti