L'edizione 2017 del Maggiolino Cabrio ha un look più dinamico

Maggiolino Volkswagen edizione 2017: look più aggressivo e tecnologie al top

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo
  • 113

WOLFSBURG - Altro che auto del popolo. Fresca di presentazione nel corso del Beetle Sunshinetour, il maxi raduno che da oltre 10 anni richiama a Travemünde folle di fans del mito Volkswagen, l'edizione 2017 del Maggiolino e del Maggiolino Cabrio si presenta con un look raffinato, aggressivo e tecnologico lontano anni luce dall'essenziale, quasi spartana, sobrietà stilistica della vettura che nel 1945 (ma il progetto di Ferdinand Porsche era stato svelato 10 anni prima) diede l'avvio alla rinascita tedesca dalle rovine della guerra, segnando l'inizio della leggenda automobilistica probabilmente più longeva nella storia delle quattro ruote.

Il frontale mantiene lo sguardo aggressivo dei gruppi ottici bordati dalla linea dei fari diurni a Led, e regala adesso un'impressione di maggiore larghezza grazie al nuovo disegno dei paraurti e alle staffe in tinta con la carrozzeria che, separando la presa d'aria centrale dall'alloggiamento dei fendinebbia e degli indicatori di direzione, si allargano a forma di A e conferiscono al Maggiolino una presenza su strada più importante.

Il look della vettura è stato rivisitato anche per facilitare il riconoscimento del livello di allestimento tra i due disponibili, denominati Design e Sport e largamente personalizzabili grazie al ricco catalogo degli optional, che non sempre sono a pagamento. La versione Sport, per esempio, si caratterizza tra l'altro per la presenza della seconda presa d'aria, una sottile fessura inserita tra la targa e il bordo inferiore del cofano motore.

L'aggiornamento degli interni non ne ha modificato l'architettura generale e la disposizione di comandi e strumenti, ma si è limitato all'introduzione di nuovi materiali e colori, oltre che all'arricchimento delle dotazioni tecnologiche al servizio degli occupanti. L'elemento centrale della vita di bordo è rappresentato dal sistema di infotainment appartenente alla piattaforma modulare di ultima generazione Mib II proposto in tre livelli di crescente sofisticazione, il Composition Colour con display da 5 pollici, che diventano 6,5 nel più evoluto Composition Media, mentre il Discover Media offre anche le funzioni di navigazione e i servizi online Car Net Guide & Inform.

Per quanto riguarda i motori, la gamma ne comprende cinque, tutti turbo: i Tsi a benzina 1.2, 1.4 e 2.0 da 105, 150 e 220 cv e i turbodiesel 2.0 Tdi da 110 e 150 cv. Il propulsore più potente, abbinato al cambio Dsg a doppia frizione (disponibile a richiesta con altre motorizzazioni, in alternativa alla trasmissione manuale di serie), è riservato alle versioni Sport che nella rinnovata configurazione si caratterizzano per la connotazione sportiva ancora più spinta grazie ai dettagli esterni condivisi con la R-Line.

In un secondo tempo, il Maggiolino edizione 2017 potrà contare – in entrambe le declinazioni di carrozzeria – su due intriganti versioni aggiuntive. Una, battezzata Dune, ne rappresenterà l'anima avventurosa, assumendo i connotati del crossover grazie all'altezza da terra maggiorata, alla carreggiata allargata e all'esplicita ispirazione alle dune buggy degli anni 60 e 70. La Denim, giovane e scanzonata, è invece pensata per esaltare la vocazione rock del Maggiolino e si caratterizza per i richiami estetici al mondo dei jeans. Per quanto riguarda i prezzi, si parte da 21.600 euro per la carrozzeria chiusa e da 25.450 nel caso della Cabriolet.
 

 

  • condividi l'articolo
  • 113
Lunedì 29 Agosto 2016 - Ultimo aggiornamento: 13:25 | © RIPRODUZIONE RISERVATA