La nuova Mazda CX-30

Mazda CX-30, la virtù sta nel mezzo. ln nuovo Suv compatto si inserisce tra CX-3 e CX-5

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

GINEVRA – Per Mazda i numeri fanno la differenza. Il costruttore nipponico ha evitato di ricorrere al quattro per il suo nuovo suv, basato sulle stessa nuova architettura della Mazda 3. Il modello si inserisce tra la CX-3 (rispetto alla quale è di 12 centimetri più lungo) e la CX-5 (alla quale ne rende 15,5). Ma si chiamerà Mazda CX-30 e non CX-4 perché le superstizioni giapponesi dicono che il numero 4 porti sfortuna.
 

 

Con i suoi 4,395 metri di lunghezza (2,655 di passo) è un suv spazioso dal profilo filante (appena 1,53 metri di altezza) ancora adatto al traffico urbano. Ispirata in qualche modo alla Mazda Vision Coupé del 2017, la CX-30 rappresenta l'evoluzione della filosofia del Kodo Design e del motto “less is more”. Sui colori della carrozzeria la casa di Horishima continua e non fare compromessi e presenta tre tinte esclusive: il Soul Red Crystal, Machine Grey e Polymetal Grey.

Strettamente imparentato con la Mazda 3, l'inedito suv dispone di una gamma motori Skyactiv omologati Euro 6d-Temp a gasolio e benzina, inclusa la variante con tecnologia Spcci. Acronimo di accensione per compressione controllata da candela, la sigla indica una soluzione per la combustione che combina la brillantezza di rotazione di un'unità a benzina con la risposta superiore di un propulsore diesel. A beneficiarne saranno anche consumi ed emissioni. I motori a benzina sono abbinati al sistema M Hybrid da 24 Volt che include un'unità elettrica che sostiene l'accelerazione. La CX-30 sarà disponibile sia a trazione anteriore sia integrale (Mazda i-Activ) e con trasmissioni manuale e o automatica a 6 rapporti.

Destinata ad arrivare sul mercato in autunno, la Mazda CX-30 dispone di un bagagliaio la cui capienza parte da 430 litri ed il cui portellone si può avere (a richiesta) anche ad apertura elettrica. Gli interni sono più curati ed ergonomici (gli schermi sono rivolti verso il conducente: quello centrale è da 8.8 pollici) e, soprattutto, sono più evolute le funzioni di infotainment. Il Mazda Media Connect, ad esempio, supporta sia Apple CarPlay sia Adroid Auto. Sviluppato sulla nuova architettura Skyactiv, il nuovo suv può vantare numerosi sistema di assistenza alla guida e di sicurezza attiva e passiva.
 

  • condividi l'articolo
Mercoledì 6 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento: 14:43 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti