La quinta generazione della Toyota Prius

Toyota Prius, ecco la nuova generazione. La madre di tutte le ibride arriverà in Europa a primavera, solo in versione plug-in

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

LOS ANGELES. Quando irruppe sul mercato, 25 anni fa, la Toyota Prius segnò una svolta epocale: con la sua motorizzazione ibrida rappresentò il primo passo, coraggioso, del colosso giapponese verso la mobilità sostenibile, una strada poi battuta da tutti. Oggi, a distanza di 5 lustri, è pronta la quinta generazione di quell’auto rivoluzionaria: è stata presentata in anteprima mondiale in Giappone e negli USA, al Salone di Los Angeles, dove ha recitato il ruolo della protagonista assoluta. Come? Con un design tutto nuovo e contenuti di assoluta avanguardia.

In Europa verrà presentata il 5 dicembre, ma sul mercato arriverà nella primavera del 2023 esclusivamente nella versione plug-in ricaricabile alla spina. Ciò detto vale la pena ricordare che la gamma multi-tecnologica di Toyota comprende anche soluzioni elettriche a batteria (BEV) e elettriche a celle a combustibile alimentate a idrogeno (FCEV), offrendo maggiore efficienza e soluzioni accessibili per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Presto per conoscere il prezzo, ma appare scontato che la nuova Prius non potrà costare meno dei 43.700 euro del modello attuale. Rispetto al quale la nuova è leggermente più corta (46 mm), ma con il passo cresciuto di 50 mm, a vantaggio dell’abitabilità. La larghezza è cresciuta di 22 mm e l’impronta a terra acquista una certa importanza grazie anche ai cerchi da 19 pollici. Appare slanciata la fiancata, che prevede un profondo scavo aerodinamico inferiore e portiere posteriori con maniglie nascoste nel montante. Si fanno apprezzare anche i sottilissimi fari anteriori e l’ampia barra luminosa a Led sulla coda.

Il design esalta l’iconica forma a cuneo tipica delle coupé sportive a due porte, ma in questo caso le porte sono 5 e l’accentuazione della sportività, vero e proprio marchio di fabbrica del modello, viene assicurata anche dall’abbassamento del tetto di 50 mm. A proposito del tetto, è previsto un optional davvero particolare: a richiesta sarà possibile installarvi pannelli solari, in modo da generare energia totalmente pulita.

E’ fuor di dubbio che il cuore dell’innovazione sta tutto nella nuova tecnologia ibrida, ultima evoluzione di quella introdotta 25 anni fa, con l’obiettivo di raggiungere gradualmente la carbon neutrality. Il sistema di nuova generazione assicura più potenza e maggiore efficienza. Il propulsore TNGA 2.0 produce infatti 148 cv (111 kW) e si combina con un nuovo motore elettrico da 160 cv (120 kW) per una potenza totale del sistema di 223 cv (164 kW). Per ora non sono state fornite anticipazioni dettagliate sulle prestazioni, ma in casa Toyota parlano disinvoltamente di “un’accelerazione energica e reattiva, decisamente migliore rispetto a quella finora assicurata dai 122 cv (90 kW) dell’attuale generazione in configurazione ibrida plug-in”.

Non sono stati comunicati, per ora, neanche i tempi di ricarica. L’autonomia in modalità 100% elettrica risulta invece maggiore del 50% rispetto alla Prius attuale (circa 75 km). Ciò grazie a una nuova batteria agli ioni di litio da 13,6 kWh. “Le celle a maggiore densità di energia – informano i tecnici giapponesi - consentono un packaging ottimizzato e il pacco batteria è quindi abbastanza compatto da poter essere installato sotto i sedili posteriori, abbassando il baricentro”.

Al di là della maggiore autonomia a emissioni zero, conseguenza di queste scelte è anche la buona disponibilità di spazio nell’abitacolo, con oggettivi vantaggi per guidatore e passeggeri. L’ambiente è spazioso e realizzato con materiali eleganti e di pregio, e all’avanguardia sono, com’è facile immaginare, le dotazioni hi-tech.

Il volante multifunzione è abbinato a un display da 7 pollici che si trova direttamente nel campo visivo del conducente, in modo che possa mantenere sempre gli occhi sulla strada. Al centro della plancia spicca un grande schermo dedicato all’infotainment. L’illuminazione del cruscotto è collegata alle notifiche del Toyota Safety Sense, che manda avvisi attraverso cambiamenti di colore.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 16 Novembre 2022 - Ultimo aggiornamento: 17-11-2022 09:50 | © RIPRODUZIONE RISERVATA