Le tre Guzzi V7 III: Rough, Milano e Carbon

Moto Guzzi V7III, ad ognuno la sua: nuovo tris con Milano, Rough e Carbon

di Antonino Pane
  • condividi l'articolo
DUERUOTE

MANDELLO DEL LARIO - La parola d’ordine è personalizzare. Alla Moto Guzzi sono maestri nel dare libero sfogo alla fantasia dei motociclisti. E allora perché non assecondarli ancora di più offrendo, già fatta, la moto dei propri sogni? Nascono così tre nuovi modelli della V7 III, la moto che sembra nata per dare tante soluzioni ai customizzatori. Non è un caso, infatti, che i tre nuovi modelli nascono proprio dalle soluzioni più gettonate in fase di personalizzazione. Ecco allora la Milano, la Rough e la Carbon, tre nuovi modelli di V7 III che si sommano agli altri tre già sul mercato, Stone, Special e Racer.

Interpretazioni diverse della stessa moto dimostrano che la “settemezzo” di Mandello è un’ottima base di partenza per progetti originali. Ma attenzione, l’evoluzione riguarda lo stile, la dotazione di serie e il comportamento su strada: in pratica fattori che influenzano anche il piacere di guidare una V7. E sulle strade intorno al lago di Como, proprio il piacere di guida è stato l’oggetto della prova delle nuove Moto Guzzi V7 III Milano, Rough e Carbon.
Tutte hanno mantenuto ciò che promettono a prima vista: praticità, libertà e aggressività. Al di là delle strumentazioni (la Rough e Carbon come la Stone adottano la configurazione a singolo quadrante circolare, coerentemente con la loro immagine di motociclette essenziali; invece le versioni Special, Racer e Milano dispongono di un secondo quadrante circolare per il contagiri, bisogna sottolineare che il telaio ha una parte frontale completamente rivista e rinforzata, con una differente geometria di sterzo. Una soluzione che garantisce dinamicità e, soprattutto, più maneggevolezza e stabilità.

Il motore è alla sua terza evoluzione. e si presenta totalmente rinnovato rispetto all’unità del V7 II. La potenza massima arriva a 52 cavalli a 6.200 giri/min, mentre la coppia massima si attesta a 60 Nm a 4.900 giri al minuto. Il cambio a sei rapporti, preciso e morbido negli innesti, rimane invariato rispetto a V7 II, ma beneficia di una differente rapportatura della prima e della sesta marcia, entrambe leggermente allungate, utili per sfruttare al meglio le caratteristiche di coppia e potenza del motore.
E ora i prezzi. La Moto Guzzi V7 III Carbon costa 9.990 euro franco concessionario. Per la Milano, invece, bastano 9.040 euro e per la Rough 8.990, sempre franco concessionario.

  • condividi l'articolo
Venerdì 20 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:36 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti