La Yamaha Tracer 700

Yamaha, la gamma Sport Touring sempre più completa: dalla Tracer alla FJR

di Antonino Pane
  • condividi l'articolo
DUERUOTE

MILANO - Yamaha crede nello Sport Touring e si presenta al 2018 con la gamma Sport Touring più completa di sempre. Sei modelli, ognuno con una personalità originale e spiccata. La famiglia Sport Touring di Yamaha ha conosciuto una crescita continua. Attratti dalle prestazioni straordinarie e dalla versatilità di modelli come Tracer 900, molti motociclisti provenienti da altri segmenti hanno scelto di passare alle Sport Tourer di Casa Iwata. La recente introduzione di Tracer 700, più accessibile rispetto am motorizzazione più potente, ha conferito un nuovo impulso. Insomma il settore Sport Touring di Yamaha appare uno più dinamici. E all’Eicma questo riscontro è arrivato puntuale. I modelli FJR1300A/AE/AS continuano a rispondere alle esigenze degli amanti del mototurismo più esperti. 

Ma guardiamo al 2018 proiettato da Eicma. Tracer 900 - dicono alla Yamaha -  si presenta con numerose ed importanti novità, pensate per consolidare i punti di forza che l'hanno resa uno dei mezzi più versatili ed adrenalinici di questi anni. Inoltre, per la prima volta, la 900 cc della famiglia Sport Touring di Iwata sarà disponibile in due straordinarie versioni: Tracer 900 m.y. 2018 e Tracer 900GT. Elemento chiave del suo successo è la sua eccellente versatilità. Tracer 900 è uno dei pochi modelli capaci di emergere e distinguersi praticamente in ogni campo: dal touring a chilometraggio illimitato fino alla guida sportiva, per finire con il percorso quotidiano casa-lavoro. È spinta dal motore ultra leggero da 847 centimetri cubici, 3 cilindri, 12 valvole, raffreddato a liquido. E ancora. Frizione antisaltellamento e controllo di trazione (TCS) a 3 modalità

E poi? Per il 2018, Tracer 900 è equipaggiata con un nuovo forcellone, mentre la taratura del mono ammortizzatore è stata rivista per aumentare ulteriormente le prestazioni touring del mezzo, con la possibilità di montare borse laterali rigide Originali Yamaha. Sulla nuova Tracer 900, il manubrio è stato ridisegnato e risulta ora più stretto; i paramani, invece, sono più snelli e leggeri. Il nuovo design offre così una posizione di guida più naturale, per aumentare il comfort, grazie al nuovo manubrio che permette di tenere la braccia fuori dal flusso d'aria a velocità elevata. E poi le nuove caratteristiche Tracer 900 m.y. 2018. Dalla qualità delle plastiche più elevata al nuovo manubrio più stretto, con paramani più snelli e leggeri Nuovo disegno anche della sella per un comfort maggiore per pilota e passeggero Nuovo parabrezza regolabile per migliorare la protezione aerodinamica Nuova geometria della ciclistica. Nuovo gruppo pedane per il passeggero. Nuovo maniglione per il passeggero. 

E per  Tracer 900 m.y. 2018 ci sono ancora mappature D-MODE specifiche per Tracer 900, a 3 modalità; telaio compatto e leggero pressofuso in alluminio, serbatoio da 18 litri per un'autonomia notevole.  Ed eccoci alla Yamaha Tracer 900 GT. È la grande novità della gamma Yamaha Sport Touring,  un nuovo modello che presenta, già di serie, caratteristiche d'eccellenza. “Tracer 900 GT è stata sviluppata sulla base della sorella Tracer 900, condividendone le migliorie introdotte per il 2018, ed è stata ideata e progettata - dicono alla Yamaha -  per offrire al segmento Sport Touring il mezzo più esclusivo ad un prezzo competitivo. Borse laterali rigide originali di serie.

Tracer 900 GT, di serie, è equipaggiata con borse laterali rigide da 22 litri, a sgancio rapido e in colori coordinati, per consentire di salire in sella e partire subito. Nuova strumentazione a colori TFT. Chi guida Tracer 900 GT gode di una vista unica grazie alla strumentazione realizzata con la tecnologia TFT (Thin Film Transistor) più recente. La strumentazione, di qualità elevatissima, ha un display a colori che offre una ricca serie di informazioni, compresi la marcia inserita, la temperatura dell'ambiente, la modalità di guida, il livello del carburante ed il consumo e, per finire, il livello del TCS inserito”.

Tracer 900 GT è equipaggiata con sospensioni evolute che prevedono una nuova forcella completamente regolabile per consentire di adattare il proprio stile di guida al carico e alle condizioni del percorso. La forcella è a  steli rovesciati. C’è anche il Quick Shift System,  in accelerazione  permette al pilota di innestare le marce senza usare la frizione. 

Un altro dispositivo prezioso durante i lunghi viaggi autostradali è il Cruise Control, di serie su Tracer 900 GT. È lo stesso sistema adottato dalla Hyper Naked Yamaha MT-10 e può essere impostato per controllare la velocità in 4a, 5a, 6a grazie ad un interruttore dedicato sul blocchetto a sinistra del manubrio.

Ed ecco la Tracer 700. Come la sorella maggiore, Tracer 700 ha introdotto un nuovo look nella categoria del mototurismo. Per il 2018, Tracer 700 sarà disponibile anche nel nuovo colore Phantom Blue, per rafforzare il family feeling con Tracer 900 e FJR1300. Tracer 700 m.y. 2018 sarà disponibile nei concessionari Yamaha da gennaio 2018, nelle colorazioni Phantom Blue, Tech Black e Radical Red.

A Eicma anche le versioni 2018 della Yamaha FJR1300A/AE/AS. Spinte dal  motore da 1300 centimetri cubici, alloggiato in un telaio in alluminio, i collaudati modelli della famiglia FJR1300 sono progettati per regalare il massimo con il minimo sforzo.. Per il 2018, i modelli FJR1300 sono disponibili nella nuova colorazione Phantom Blue: il colore "di famiglia" per i mezzi della gamma Sport Touring di Yamaha.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 13 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:46 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti