Il blocco dei diesel durante le domeniche ecologiche

Domeniche ecologiche: perché i diesel Euro 6 non possono circolare? L’Aidic ha incontrato l’assessore all’Ambiente del Comune di Roma

di Patrizia Licata
  • condividi l'articolo

I diesel Euro 6 non inquinano più delle auto a benzina Euro 6. E non dovrebbero essere inclusi nei blocchi del traffico. Torna a far sentire la propria voce l’Associazione italiana di ingegneria chimica (Aidic), che a Roma ha ottenuto un incontro con l'Assessorato all'Ambiente del Comune in merito alle domeniche ecologiche nella Capitale e al divieto di circolazione per i veicoli diesel Euro 6. L’incontro fa seguito alla lettera aperta scritta al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri lo scorso 4 gennaio dal presidente del Gruppo della transizione energetica di Aidic, Giacomo Rispoli, in cui si lamentava il fatto che, in occasione della prima giornata ecologica dell’anno, il nuovo sindaco abbia fermato nuovamente a Roma tutte le auto diesel fino ad Euro 6 e Euro 6d. 

L’ing. Rispoli ha presentato all’Assessore Sabrina Alfonsi le motivazioni tecniche (già riportate nella lettera aperta) per le quali i motori diesel Euro 6d sono ritenuti del tutto confrontabili, sotto il profilo delle emissioni, a quelli a benzina Euro 6, sia per le emissioni di CO2 che per quelle di ossidi di azoto e particolato (Pm 10 e Pm 2,5), gli altri gas inquinanti di cui le normative tengono conto. Ciò si deve all’evoluzione sia dei motori che dei combustibili.

Di conseguenza, secondo l’Aidic, non c’è ragione per cui nelle domeniche ecologiche, o in caso di blocco del traffico, le vetture diesel Euro 6 non possano circolare mentre le benzina Euro 6 sì. Nel suo intervento l’Ing. Rispoli ha ribadito che oggi, soprattutto con i “nuovi” diesel Euro 6d, le emissioni di ossidi di azoto sono paragonabili a quelle dei motori benzina Euro 6, mentre sulla CO2 si è raggiunta anche una migliore efficienza.

Aidic si è detta disponibile ad aprire ulteriori tavoli di confronto con l’Assessora Alfonsi sulle tematiche della mobilità sostenibile, dell’idrogeno e dell’ambiente in generale.

La normativa Euro 6 con i nuovi parametri anti-inquinamento prevede limiti sulle emissioni e parametri di test per i motori sempre più severi. La lettera “d” significa, infatti, che i costruttori devono misurare le emissioni dei loro veicoli diesel non solo con i nuovi test Wltp in condizioni controllate, ma anche in condizioni reali (Rde), su strada, e lo scarto tra le emissioni Wltp e quelle Rde non deve superare il 100% negli Euro 6 d-temp e il 50% negli Euro 6-d.

Questi nuovi parametri (imposti dopo lo scandalo del dieselgate) hanno di fatto spinto a un miglioramento dei diesel di cui l’Aidic ha chiesto al Comune di Roma di tenere conto. Tanto più che la transizione ecologica è un processo lungo che richiede di valutare tutte le fonti di inquinamento legate all’automobile, inclusi gli pneumatici e le fonti con cui viene generata l’energia elettrica.

  • condividi l'articolo
Sabato 29 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento: 30-01-2022 11:47 | © RIPRODUZIONE RISERVATA