un'auto elettrica in ricarica

Motus-E, crescita record delle colonnine in Italia. Al 30 settembre installati 32.776 punti di ricarica

  • condividi l'articolo

Al 30 settembre 2022 in Italia risultano installati 32.776 punti di ricarica in 16.700 infrastrutture di ricarica (o stazioni, o colonnine) e 13.225 location accessibili al pubblico. Lo scrive nella rilevazione trimestrale, Motus-E, associazione che raggruppa tutti gli stakeholders della mobilità elettrica. Negli ultimi tre mesi si osserva un aumento di 2.072 punti di ricarica, 1.026 Infrastrutture e 815 nuove location. Rispetto a settembre 2021, invece, i punti di ricarica hanno registrato una crescita di 7.982 unità. «Nonostante i numeri positivi, il 12% delle infrastrutture installate risulta attualmente non utilizzabile dagli utenti finali - osserva l’associazione - in quanto non è stato finora possibile finalizzare il collegamento alla rete elettrica da parte del distributore di energia o per altre motivazioni autorizzative. Quasi la metà, ovvero il 45%, degli oltre 2.000 punti di ricarica installati in questo trimestre sono punti di ricarica ad alta potenza». Attualmente «il 90% dei punti di ricarica installati è in corrente alternata (AC), mentre il 10% in corrente continua (DC)», spiega l’Associazione. 

Guardando alla distribuzione geografica, il 57% circa dei punti di ricarica è distribuito nel Nord Italia, il 23% circa nel Centro e solo il 20% nel Sud e nelle Isole. In Europa, il nostro Paese è tra i più virtuosi. Come mostrano i dati di giugno 2022, l’Italia mette a disposizione di 100 automobilisti di auto completamente elettriche circa 21 punti di ricarica, al di sopra della media europea (13) e molti di più di quelli offerti da Germania (10), Francia (12) e Spagna (19). Fanno meglio di noi, tra le grandi, solo Belgio (24) e Paesi Bassi (35). «I numeri mostrano un trend positivo che auguriamo prosegua nei prossimi mesi, grazie anche ai fondi del Pnrr - spiega Motus-E - L’Italia deve comunque colmare alcune lacune geografiche per raggiungere una capillarità maggiore e deve sanare il ritardo di installazioni in autostrada. Siamo sulla buona strada, ma dobbiamo accelerare in vista del 2035». 

  • condividi l'articolo
Lunedì 10 Ottobre 2022 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2022 12:54 | © RIPRODUZIONE RISERVATA