Auto blu schierate

Pubblica Amministrazione, aumentano le auto blu: sono 29.894 (+12,3% rispetto al 2020), ma il 92% sono senza autista

  • condividi l'articolo

Nel 2021 le auto blu censite dalla pubblica amministrazione sono 29.894 con un aumento del 12,3% rispetto al dato del 2020. Lo fa sapere il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta spiegando che il dato è legato all’aumento delle risposte da parte delle amministrazioni che arriva all’80%. Se si guarda al numero medio di auto per amministrazione nel 2021 scende al 3,6 dal 3,9 del 2020. Il 92% delle vetture è utilizzato dalle amministrazioni senza autista, cioè sono utilizzate direttamente dai funzionari. Hanno risposto al censimento 8.142 enti, l’80% dei 10.128 registrati, con un aumento del 21,6% (+1.449) rispetto alla rilevazione precedente.

«A tale positivo allargamento della partecipazione, sottolinea Brunetta, corrisponde un aumento delle vetture di servizio registrate: risultano 29.894, con un incremento del 12,3% (pari a 3.267 auto in più) rispetto al numero di fine 2020, che si fermò a quota 26.627». ll censimento appena concluso segnala come il 92% delle auto di servizio risulti in uso a uno o più uffici o servizi senza autista (27.462 su 29.894 veicoli), mentre solo l’8,14% - pari a 2.432 mezzi - è in uso con autista: 850 a uso esclusivo, 1.582 a uso non esclusivo.

La partecipazione - spiega il ministro - oggi è tornata, sostanzialmente in linea con quella del censimento 2019 (basato sui dati al 31 dicembre 2018), a cui aveva risposto l’82% degli enti. Ma allora le auto registrate erano 33.527 contro le 29.894 attuali. «Siamo rientrati - ha detto - nella fisiologia del censimento, che ho voluto avviare durante il mio primo incarico a Palazzo Vidoni, nel 2010, quando l’Italia aveva un numero esorbitante di auto di servizio. Abbiamo usato l’arma della trasparenza per riportare nel tempo le auto sotto le 30mila. Continueremo a monitorare e a vigilare: questa rilevazione è uno strumento concreto di efficientamento della Pubblica amministrazione». Comuni in testa.

I Comuni possono contare su 11.517 vetture a disposizione (pari al 39% complessivo), a cui vanno aggiunte le risposte di 96 Comuni capoluogo con 2.433 auto. A seguire, il mondo della sanità con 8.179 auto in uso (il 27% del totale), a fronte di 175 enti che hanno risposto. Il 92% delle auto di servizio risulta in uso a uno o più uffici o servizi senza autista (27.462 su 29.894 veicoli), mentre solo l’8,14% - pari a 2.432 mezzi - è in uso con autista: 850 a uso esclusivo, 1.582 a uso non esclusivo.

Rispetto al 31 dicembre 2020, quando la quota di vetture con autista risultava del 7,36% (pari a 1.961, di cui 734 a uso esclusivo sul totale di 26.627 auto), »l’aumento registrato è solo apparente, perché la rilevazione attuale comprende, nella categoria «altri enti», il dato relativo al ministero della Giustizia (608 autovetture con autista) che non era stato riportato nel rapporto precedente, in quanto ancora in fase di verifica al momento della sua pubblicazione. Una riduzione si è registrata anche - conclude la nota - rispetto al 31 dicembre 2019, quando la percentuale di auto con autista era al 9,24% (2.371, di cui 707 a uso esclusivo, sul totale di 25.668 auto). 

  • condividi l'articolo
Giovedì 5 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento: 17:42 | © RIPRODUZIONE RISERVATA