Dramma al Rally di Roma Capitale
pilota muore dopo malore

Dramma al Rally di Roma Capitale: muore
un pilota dopo un malore, sospesa la gara

  • condividi l'articolo

ROMA - Il secondo Rally di RomaCapitale, è stato interrotto a seguito della morte, a causa di un malore, del concorrente numero 8, il piemontese Emanuele Garosci, in gara con una Citroen C4 WRC, affiancato dalla copilota milanese Giancarla Guzzi.


L'Organizzatore - informa una nota - insieme a tutti i concorrenti, in rispetto dell'accaduto, ha deciso di sospendere la competizione nonostante vi fossero le possibilità regolamentari e tecniche di portare a termine l'evento.

La direzione di gara del Rally, venuta a conoscenza del malore di Garosci per mezzo del «tracking system» (presente in tutte le vetture in gara al fine di garantire il controllo e la sicurezza degli equipaggi) ha immediatamente interrotto le partenze (dando «bandiera rossa» a tutte le postazioni sino al luogo ove si trovava la vettura di Garosci) e predisposto l'immediato ingresso sul percorso dell'ambulanza di «Categoria A», equipaggiata con personale medico e paramedico specializzato. Il personale medico dell'ambulanza, effettuate le prime cure e terapie al pilota, previste nel caso specifico, in coordinamento con il medico di gara, si è portato al punto di «Rendez Vous elicottero ambulanza» (preventivamente stabilito a mezzo di coordinate satellitari GPS).

Dopo 26 minuti di manovre di rianimazione continue - come ricostruisce in una nota l'ufficio stampa del Rally di Roma - «si constatava il decesso del pilota». Una volta decisa l'interruzione della corsa, tutti i concorrenti sono stati indirizzati, secondo il regime del Codice della Strada verso il Parco Chiuso di fine gara, saltando ovviamente la cerimonia di premiazione.

Quarantuno anni, torinese di nascita ma da diversi anni veneziano di adozione, Emanuele Garosci era conosciuto per aver creato a Venezia PalazzinaG, il primo hotel disegnato da Philippe Starck in Italia, divenuto punto di riferimento del glamour italiano e internazionale nella città lagunare. In precedenza aveva, inoltre, ideato l'innovativo Hotel Nhow di Milano. «Scompare così un uomo che con le sue idee illuminate e con la sua creatività ha rivoluzionato, nel corso dell'ultimo decennio, il concetto stesso di hotellerie - afferma un comunicato - La Direzione di PalazzinaG, ancora incredula per l'accaduto, ricorda con grande affetto e stima la sua creatività, la sua capacità di innovare fuori dagli schemi e anticipare sempre le tendenze e proseguirà nel cammino intrapreso da Emanule Garosci con lo stesso entusiasmo e la stessa convinzione che hanno caratterizzato il suo progetto fino ad oggi».

  • condividi l'articolo
Domenica 9 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2014 01:20 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti