Un'immagine della gara dello scorso anno a Santiago del cile

L'ePrix di Santiago fa il “bis”. Nella capitale cilena la terza gara del prossimo campionato

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

ROMA - Santiago ospiterà un ePrix anche nella quinta stagione della Formula E. Nella capitale del Cile si correrà la terza gara a zero emissioni del prossimo campionato. Nel calendario (che è così definitivo, a parte il tracciato di Zurigo) la prova è stata anticipata di una settimana, al 26 gennaio anziché il 3 febbraio come quest'anno quando era la quarta tappa del circuito.

Rispetto alla prima edizione dell'Antofagasta Minerals Santiago ePrix, la seconda volta cilena ha un nuovo tracciato. Quello di quest'anno ha dimostrato qualche limite nella logistica (anche se per la prima volta si gareggiava su un ponte sopra il fiume) e non solo la Formula E aveva “suggerito” un cambiamento. Che le autorità locali hanno accettato dirottando la corsa nei pressi del parco O'Higgins. Il nuovo percorso dovrà venie approvato ed omologato dal Fia World Motor Sport Council.
 
Lo scorso febbraio
si era imposto Jean Eric Vergne, che si è poi assicurato anche il titolo iridato succedendo nell'albo d'oro a Lucas di Grassi (prima di lui avevano vinto Sébastien Buemi e Nelson Piquet jr). Alberto Longo, cofondatore della Formula E, ha ringraziato fra gli altri il sindaco di Sintiago Felipe Alessandri e le ministre per sport ed energia Pauline Kantor e Susana Jimenez, e ricordato la piacevole atmosfera della captale. «Il parco O'Higgins è un luogo ideale per un evento sportivo internazionale come il nostro», ha aggiunto.

Quella che comincia il prossimo 15 dicembre in Arabia Saudita è una stagione storica per la ancora giovane Formula E. Dopo 4 campionati con il cambio macchina a metà gara, da quest'anno con le più potenti monoposto Gen 2 che dispongono di batterie più capaci i piloti completeranno l'ePrix al volante della stessa vettura dopo 45 minuti più un giro. Sono in programma 13 prove in quattro continenti, inclusa quella (confermata) di Roma, il 13 aprile del 2019.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 10 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2018 17:39 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti