Il 7° Rally di Roma Capitale accende i motori. Stasera il via a Castel Sant'Angelo

Il 7° Rally di Roma Capitale accende i motori. Stasera il via a Castel Sant'Angelo

di Franco Carmignani
  • condividi l'articolo
MOTORSPORT

ROMA - L’appuntamento è a Castel Sant’Angelo nel pomeriggio per la partenza del 7° Rally di Roma. A partire dalle 19 le vetture, che in mattinata hanno effettuato lo shake-down a Fumone attraverseranno la Capitale per poi dirigersi verso Fiuggi, centro nevralgico della gara, che poi domenica pomeriggio approderà ad Ostia per l’attesa kermesse finale.

Piloti concentratissimi sull’evento a partire dai due pretendenti al titolo europeo. Il polacco Łukasz Habaj attuale leader della classifica continentale con la sua Skoda Fabia R5 è preoccupato: “Il nostro vantaggio nel campionato è in realtà più grande rispetto a Chris Ingram, ma minore rispetto a Alexey Lukyanuk, la cui velocità è indiscutibile. Se non ha problemi, abbiamo grosse difficoltà a tenere il passo”.

Il russo, campione in carica e vincitore della passata edizione della gara romana è molto carico: “Abbiamo facce sorridenti perché il prossimo evento è il Rally di Roma Capitale. Il risultato in Polonia è stato buono, il ritmo è stato molto buono e siamo stati davvero contenti della vittoria. I punti sono buoni ma l'entusiasmo arriva quando pubblichi buoni tempi e quando vai al limite, controlli le cose e divertiti. Abbiamo un grande lavoro da fare, per Roma, per trovare il miglior assetto possibile per l'asfalto italiano del Rally di Roma Capitale. Fortunatamente abbiamo la squadra e l'ingegnere migliori, quindi dovremmo farcela”.

Obiettivi chiari anche per i primi due della classifica tricolore. Giandomenico Basso (Skoda Fabia R5) Leader CIR: “Una gara esaltante che abbiamo vinto. Siamo qui a Roma con la Metior, squadra con la quale abbiamo corso l’anno scorso proprio questa gara. Nel 2018 abbiamo fatto una buona gara piazzandoci secondi assoluti. Questa volta utilizzeremo le gomme Michelin. La Metior sta lavorando bene, noi tutti speriamo di essere fin da subito competitivi”. Luca Rossetti (Citroen C3 R5) la vede così: “Per me Roma è una gara tutta nuova. Si prospetta comunque una bella gara con i protagonisti dell’europeo. Dal canto nostro io ed Eleonora siamo carichi per questa nuova sfida. Nel campionato con la Citroen siamo sicuramente in una buona posizione a metà stagione, abbiamo tutte le carte in regola per essere competitivi e dobbiamo certamente solo attaccare.”

Nella pattuglia degli italiani ci sarà anche Umberto Scandola con la Hyundai i20 R5. “E’ il mio primo rally su asfalto della stagione e con la Hyundai, per cui sarà complicato, anche perché ho una macchina nuova – spiega il pilota veronese – Avremo l’assistenza di Hyundai Motorsport Customer Racing e saremo pronti, il nostro obiettivo è andare forte, ma per farlo ci servirà confidenza. Non siamo in lotta per il campionato, per cui posso correre a mente libera e senza pressioni”. Scandola infatti ha un programma nel Campionato Italiano Rally Terra e il Rally di Roma Capitale, che ha vinto nel 2015 e nel 2016, è stato incluso successivamente nel programma. “Conosco la gara molto bene, l’ho vinta due volte e l’80% delle strade è il medesimo, per cui sarà ottimo per trovare il giusto feeling con la macchina”.

Andrea Nucita si presenta da leader dell’Abarth Rally Cup nel prossimo round del FIA European Rally Championship. Il siciliano ha 11 punti di vantaggio su Dariusz Poloński e il Rally di Roma Capitale è una gara che ama per via dell’asfalto e dove vuole puntare al vertice.

Tommaso Ciuffi (Peugeot 208 R2) leader CIR 2 Ruote Motrici spiega: “Gara molto bella che ci mette a confronto con quelli dell’Europeo, quindi sarà affascinante. Affronteremo Il Roma Capitale con la determinazione e concentrazione di sempre. Vogliamo adottare una corsa in ottica di campionato per puntare a portare a casa il CIR 2 Ruote Motrici come principale obiettivo”.

Il leader del CIR Junior Marco Pollara aggiunge: “Personalmente considero il Rally di Roma Capitale una delle gare più belle in assoluto con una organizzazione professionale, è una gara di altissimo livello, dove avremo il confronto con i ragazzi del campionato europeo e questo è molto stimolante. Oltre che essere una gara bellissima, è un rally molto complesso per via delle sue prove tecniche ma soprattutto veloci con diverse tipologie di grip e tanti cambi di ritmo. Ci tengo a far bene, perché essendo in un contesto di un campionato europeo, come ho detto in precedenza, è bello avere dei confronti con i ragazzi provenienti da tante nazioni. Come al solito ho preparato questa gara senza lasciare nulla al caso, anche se la nostra posizione in campionato ci permetterebbe di affrontare la gara in maniera un po’ tranquilla. Infine un ringraziamento va alla Motorsport Italia, Pirelli e Aci team Italia per il lavoro e l’impegno messo a nostra disposizione dall’inizio del campionato ed a CST Sport per l’attenta pianificazione dei programmi”-

Ci sono anche le ragazze. La spagnola Emma Falcon sarà in azione con la Citroën C3 R5 della Escuderia Fuertwagen Motorsport affiancata da Eduardo González, in una gara che lo scorso anno la vide chiudere sesta in ERC3 e seconda fra le donne. “Questo è uno dei rally che mi piacciono di più, ma sarà la prima volta per me qui con una R5 – ha detto la Falcón – E’ una stagione di adattamento alla macchina, spero il prossimo anno di fare più eventi”.

La rumena Cristiana Oprea, che ha studiato architettura, è passata ai rally grazie all’iniziativa FIA Women in Motorsport e tramite il sito Femeiinmotorsport.ro. Dopo due stagioni di corse in patria, a gennaio ha iniziato a lavorare per arrivare all’ERC Ladies’ Trophy, dove troverà davanti a sè Catie Munnings e Emma Falcón. “Dopo due anni nel campionato di casa era normale avere la curiosità di scoprire un nuovo livello di rally internazionale – ha detto la Oprea – Ho sempre voluto imparare dai migliori e lavorare ad alti livelli, considero l’ERC il posto perfetto per crescere per ogni rallista. Ho sempre ammirato una come Ekaterina Stratieva o anche Catie Munnings, che hanno vinto in passato, erano fra i miei sogni da raggiungere”. “Lo scorso anno io e la mia co-pilota Diana Hațegan abbiamo corso nel FIA European Rally Trophy l’evento di Sliven, in Bulgaria, scoprendo che siamo state l’unico equipaggio rumeno femminile in 50 anni di corse a prendervi parte. Questo ci ha spinto a rappresentare la Romania come atleti e con Diana abbiamo scelto l’ERC. Credo molto nel progetto FIA Women in Motorsport è ho fondato il sito Femeiinmotorsport.ro come missione per abbattere i pregiudizi e gli stereotipi sulle donne nel motorsport e nella società”. La Oprea ha mischiato il ruolo di pilota a quello di giornalista professionista sulle auto, guidando prima una Dacia e poi passando alla Peugeot 208 R2 che condurrà al Rally di Roma Capitale, evento che gli ha consigliato Simone Tempestini. “Da gennaio abbiamo pensato all’ERC, Roma sembrava l’evento migliore con buone PS e ottima copertura mediatica, con costi abbordabili per trasporti e alloggi. In Italia ci sono parecchi rumeni e Simone Tempestini ha già corso questa gara, per cui ci ha dato molti consigli. E’ un bel punto di partenza, sarà il mio primo rally con una R2 e su asfalto mi trovo meglio”. “L’obiettivo è imparare a conoscere la macchina il più possibile crescendo ad ogni PS, Siamo qui per fare esperienza, divertirci e goderci ogni momento arrivando alla fine. E’ un nuovo capitolo per le donne rumene del motorsport. Il sogno futuro è portare in patria l’ERC Ladies’ Trophy e spero che con i miei sostenitori e partner riusciremo a stilare il programma per l’anno prossimo. Il budget è sempre una sfida tosta, le ultime due stagioni le abbiamo finanziate io e mia mamma totalmente, per cui ci servono sponsor”.

La nostra Rachele Somaschini, che corre con una Citroen DS3 spiega parla così: “Abbiamo una gran voglia di riscattarci dopo l’anno scorso nella gara che ci ha viste costrette al ritiro. La gara mi piace molto ma resto comunque concentrata. Cercheremo di mettere in pratica quello che ho appreso fino ad ora al volante della DS3 e di dare il meglio per limare il gap che ci separa agli avversari nonostante il caldo che rimane uno degli ostacoli più grandi.”


7° Rally Roma Capitale – Il programma

Fondo: Asfalto

Percorso totale: 849,72 km

Prove speciali cronometrate: 16 per un totale di 203,40 km

Il Parco Assistenza è a Fiuggi nel Parcheggio Fonte Anticolana

Venerdì 19 luglio

09h30: Qualifying stage

10h30: Shakedown (Fumone)

19h00: Cerimonia di Partenza a Roma Castel Sant’Angelo e Roma Parade

Sabato 20 luglio: 6 Prove Speciali per un totale di 109,12 km cronometrati

08h00: Partenza del Rally Fiuggi

09h33: PS1 – Pico Greci 1

10h28: PS2 – Roccasecca Colle San Magno 1

11h18: PS3 – Santopadre Arpino 1

13h11: Riordino Fiuggi

13h49: Parco Assistenza Fiuggi

15h52: PS4 – Pico Greci 2

16h47: PS5 – Roccasecca Colle San Magno 2

17h37: PS6 – Santopadre Arpino 2

19h30: Riordino Fiuggi

20h40: Parco Chiuso Fiuggi

Domenica 21 luglio: 10 Prove Speciali per un totale di 94,28 km cronometrati

07h37: Parco Assistenza Fiuggi

08h28: PS7 – Affile Bellegra 1

09h05: PS8 – Rocca di Cave 1

09h22: PS9 – Rocca Santo Stefano 1

10h18: PS10 – Guarcino 1

10h53: Riordino Fiuggi

11h30: Parco Assistenza Fiuggi

12h36: PS11 – Affile Bellegra 2

13h13: PS12 - Rocca di Cave 2

13h30: PS 13 - Rocca Santo Stefano 2

14h26: PS 14 - Guarcino 2

15h01: Riordino Fiuggi

16h18: Parco Assistenza Fiuggi

19h05: SPS15 – Ostia Super Stage Arena Aci Roma 1

19h15: SPS16 – Ostia Super Stage Arena Aci Roma 2

19h30: Arrivo a Lido di Ostia

20h30: Podio


 

  • condividi l'articolo
Venerdì 19 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 13:22 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti