Il rendering dell' Arcadia A96

Arcadia ha svelato a Cannes l’arrivo nel 2023 del nuovo A96. Intanto ecco lo Sherpa 80 XL con il “giardino d’inverno”

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

NAPOLI - La novità più attesa e importante di Arcadia arriverà nel corso del 2023. Si chiamerà A96 e sarà uno yacht di circa 30 metri con ampia cabina armatoriale a prua e quattro cabine ospiti nel lower deck. Come tradizione di questo cantiere nato nel 2008 a Torre Annunziata, in un sito affacciato sul golfo di Napoli, anche questa nuova imbarcazione è stata concepita con l’obiettivo di rompere gli schemi sul fronte dello stile e del rispetto dell’ambiente.

I dettagli del nuovo progetto sono stati illustrati in anteprima a Cannes utilizzando rendering, video e piani generali. Mentre lungo le banchine del salone francese sono stati esposti l’A85, capostipite della linea A che ha rivoluzionato il settore, e due yacht semiplananti della linea Sherpa, il 60 e l’80 XL, che offrono spazi all’insegna del benessere e della convivialità, confermando il family feeling del cantiere.

“Cannes è una vetrina molto importante e siamo felici di parteciparvi con tre dei nostri modelli di maggiore successo, che rappresentano appieno la nostra filosofia costruttiva e la nostra idea di vivere il mare” ha detto l’amministratore unico dell’azienda Ugo Pellegrino nell’immediata vigilia del boat show francese. “A breve – ha aggiunto - comunicheremo alcune importanti novità relative al cantiere, in linea con il cammino di rinnovamento del settore e d’internazionalizzazione del brand. Stiamo lavorando per esplorare nuove strade a livello di partnership e di linee, partendo come sempre dalla volontà di offrire un comfort di bordo ineguagliabile, che è da sempre uno dei nostri principi chiave”.

In attesa della nuova A96, il polo d’attrazione principale di Arcadia è stato dunque l’A85, capostipite dell’intera produzione del cantiere e punto di riferimento per molti concorrenti. Lungo 25,90 metri e largo 7,15, si caratterizza per il design lineare della sovrastruttura (in larga parte coperta da pannelli solari) e la linea verticale della prua che consentono un migliore utilizzo di ogni singolo spazio disponibile sia all’interno sia all’esterno. L’ampiezza dell’area living, lo stile semplice e sobrio e il mix armonioso tra le aree esterne ed interne rendono lo yacht un modello ideale per le famiglie o per quegli armatori che vogliono vivere gli spazi a bordo con ospiti e amici a stretto contatto con la natura.

Per quel che riguarda la gamma Sherpa, sono stati esposti il 60 e l’80 XL che si distinguono per pozzetti e “spiaggette” di poppa molto ampi e il più possibile a pelo d’acqua, ideali per la condivisione di momenti di benessere e relax. L’80 XL, tra l’altro, è stato appena aggiornato con la disponibilità dell’opzione di layout “Jardin d’hiver” che permette la chiusura ed il riscaldamento della zona dining dell’aft-deck così da consentire una maggiore vivibilità dell’area anche nei periodi invernali e in condizioni meteo avverse.

Lungo 18,67 metri, Sherpa 60 offre una distribuzione degli spazi che mira a privilegiare pozzetto di poppa, zona living e cabine, grazie anche a una larghezza di 5,60 metri. Nella progettazione di questo yacht ha avuto un’importanza fondamentale il concetto di flessibilità, che ha portato all’ideazione di diverse configurazioni a seconda dell’uso che si vuole fare della barca. La versione presente a Cannes era un Open Deck con layout a 2 cabine.

Importante ricordare, al di là degli aspetti legati al comfort e allo sfruttamento degli spazi, che questo yacht garantisce elevate capacità di crociera stile “long-range” grazie a due Volvo Penta IPS 600 (in opzione si possono scegliere anche gli IPS 700 o 800) che permettono una velocità di crociera a 17 nodi con punte di massima a 22 (con la motorizzazione più potente).

Con una lunghezza di 24 metri e ben 7 metri di baglio, lo Sherpa 80 XL offre ancora di più. Basti dire che sono sempre disponibili una superficie complessiva di 220 metri quadrati di aree interne ed esterne. Nell’area di estrema poppa questo aspetto è ancora più visibile poiché il tender garage e lo spazio per lo stivaggio di seabob e altri toys si trova a pruavia della sala macchine, spostato a centro nave, con un accesso dal portellone laterale.

Il concept dello Sherpa 80 XL si sviluppa intorno alla disposizione dei ponti: quelli di prua sono sfalsati, per dare vita a un blocco scale centrale caratterizzato da dislivelli ridotti, ottenendo così spazi più ampi. Il rapporto diretto con il mare e l’ambiente circostante è esaltato nel pozzetto, con una superficie di quasi 65 metri quadrati, direttamente collegato alla plancetta di poppa con una breve sequenza di scalini. Le murate che corrono lungo il pozzetto sono dotate di aperture di design che consentono di godere appieno del panorama.

Il continuo rapporto con la natura circostante è poi enfatizzato anche dalla skylounge, grazie alle finestrature up&down. Il ponte superiore accoglie una sun-lounge di 35 metri quadrati dalla forma regolare così da soddisfare facilmente le richieste di personalizzazione. Quanto agli interni, vantano un design caratterizzato da componenti d’arredo sofisticati inseriti in uno stile essenziale.

Per questa imbarcazione - vale la pena ricordarlo - sono disponibili più configurazioni, a tre, quattro o cinque cabine. L’unità esposta a Cannes dispone di 4 cabine, con un layout che garantisce un livello di privacy tipico di yacht di dimensioni maggiori grazie a percorsi totalmente dedicati all’equipaggio.

La velocità massima con i due motori optional Volvo Penta IPS 1350 si attesta sopra i 23 nodi mentre l’autonomia a una velocità di 10 nodi è superiore alle 1.200 miglia nautiche. Sull’unità esposta a Cannes, come detto, sarà inoltre possibile ammirare la nuova opzione di layout “Jardin d’hiver”.

  • condividi l'articolo
Martedì 13 Settembre 2022 - Ultimo aggiornamento: 18:33 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti