Il model year 2023 del Libeccio 11

Gozzi, storia senza fine: a Genova il Libeccio 11 Walkaround, evoluzione del modello 2020 firmata da Rivellini per Mimì

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

NAPOLI - Fedeli custodi di una tradizione che affonda le sue radici nel lavoro dei maestri d’ascia, i produttori di gozzi (pochi ma buoni) continuano a sfornare novità di prodotto dimostrando con fatti concreti come sia possibile continuare a innovare senza tradire la gloriosa storia di queste imbarcazioni nate per la pesca e diventate a pieno titolo gioielli della moderna nautica da diporto: un compromesso fondato sul perfetto connubio tra vetroresina e legno, con ampio uso di teak massello.

Uno degli esponenti più attivi in questo comparto di nicchia tutt’altro che secondario è il cantiere napoletano Mimì, che ha preannunciato la presentazione in anteprima mondiale, al Salone di Genova, di una nuova versione del Libeccio 11 Walkaround: un’evoluzione del gozzo nato nel 2020, realizzata con la collaborazione di Valerio Rivellini, designer emergente rivelatosi in grado di insospettabili “fughe in avanti” ma anche di custodire al meglio i valori della tradizione.

Il model year 2023 del Libeccio 11 si distingue essenzialmente per la zona di poppa, ridisegnata per regalare una spaziosità inedita su queste dimensioni (11 metri fuori tutto). Come per il modello da cui deriva, gli interni offrono due cabine, una cucina e un bagno. Una nota del cantiere diffusa alla vigilia del Salone di Genova sottolinea come “un garage a poppa per tender e toys e il tettuccio rigido rendano questo modello completo per la vacanza di una famiglia o di un gruppo di amici”.

Accanto a questa nuova versione saranno esposti nel salone di casa anche cinque dei modelli maggiormente apprezzati in Italia e all’estero: alcuni esemplari che hanno fatto la storia del brand fondato negli anni 70 saranno visitabili accanto a imbarcazioni più recenti, caratterizzate da un design moderno e da ampi spazi per la convivialità all’aria aperta, un’esigenza sempre più attuale anche in questo comparto.

Più in dettaglio, sarà possibile vedere allo stand del cantiere guidato da Domenico Senese il Libeccio 6.5 Classic nella versione con guida a barra, e il Libeccio 7.5, tra i primi gozzi realizzati nel cantiere di Agnano e ancora oggi molto richiesti. Entrambi i modelli – vale la pena ricordarlo - presentano doppio prendisole di prua e di poppa, e il 7.50 è la prima imbarcazione della gamma open con un ampio prendisole che copre una spaziosa cabina.

Il Libeccio 8.5 sarà presente in due versioni: Sport e Walkaround. Il primo è un vero e proprio day cruiser moderno, veloce, stabile e sicuro, l’altro è pensato per armatori giovanili e amanti della pesca sportiva.

Libeccio 9.5 Walkaround, infine, è uno dei modelli più richiesti, in particolare nel Mediterraneo e in Nord Europa: disegnato con consolle centrale simmetrica, si distingue per alcune soluzioni originali, come l’hard-top con bracci montati sulla consolle anteriore. Si fanno apprezzare anche il mobile bar di poppa con rifiniture in legno e con seduta nascosta utilizzabile anche come mobile cucina, un divano a poppa trasformabile in prendisole e un tavolo per sei. La dinette offre un letto matrimoniale e un secondo letto (adatto a un bambino), mentre la velocità massima è di 27 nodi.

Grande assente a Genova sarà invece il nuovissimo Libeccio 13.5, barca planante in vetroresina e legno che eredita le misure dello storico modello del 1975 (13,5 metri fuori tutto per un baglio massimo di 4,1), ma si colloca al vertice della gamma con caratteristiche tutte nuove, a partire dalla capienza e dalla comodità degli interni, per non dire della straordinaria poppa aperta.

L’esemplare numero 1 della nuova ammiraglia Mimì è stato già varato, ma Domenico Senese ha deciso di non esporlo a Genova in quanto il cantiere non sarebbe in grado di rispettare tempi di consegna ragionevoli. “La produzione è satura – spiega il titolare del cantiere partenopeo -. Per ora il nostro stabilimento di Agnano non può fare di più e sarebbe sconveniente presentare una barca senza avere la possibilità di consegnarla all’acquirente entro l’estate del 2023. Intanto ci stiamo dando da fare per trovare una soluzione che ci consenta di aumentare la capacità produttiva”.

Vedremo quali saranno gli sviluppi. Intanto vale la pena ricordare che la “grande assente” del salone di casa è una barca di 13,5 metri che offre tre comode cabine separate, di cui una matrimoniale e due a letti singoli, più due bagni, ma anche – a richiesta - una variante con due sole cabine e una cucina interna in sostituzione di quella collocata a poppa. A proposito di poppa, è forse la parte più caratterizzante dell’imbarcazione, in quanto caratterizzata da una vistosa scalinata e da una “spiaggiona” integrata nella struttura, ideale per godersi il contatto con il mare.

Quanto alla motorizzazione, l’esemplare numero 1 è spinto da due propulsori Yanmar da 370 hp ciascuno, in grado di spingere la barca fino a una velocità massima di 30 nodi. La capacità del serbatoio carburante è di 1000 litri, 500 per l’acqua.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 21 Settembre 2022 - Ultimo aggiornamento: 17:53 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti