L ammiraglia di Invictus TT460

Invictus a Cannes con 7 barche: anteprima per l’SX200, debutto sul mercato francese per l’ammiraglia TT460

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

BORGIA - Dalla piccola Roccelletta di Borgia, provincia di Catanzaro, alla Croisette, il lungomare più famoso del mondo, per presentarsi allo Yachting Festival 2021 con una flotta capace di conquistare estimatori anche fuori dai confini nazionali. E’ questa la missione di Invictus, il marchio calabrese che ha fatto della qualità e dello stile inconfondibile i suoi punti di forza.

Saranno sette i modelli schierati dal 7 al 12 settembre al Salone di Cannes: tra questi, il piccolo SX200 (6,1 metri) esposto in anteprima mondiale, e l’ammiraglia TT460, al debutto sul mercato francese. Allo stand a terra saranno in bella mostra, con il nuovo SX200, gli altri modelli della linea Capoforte (CX240, CX270, SX280) mentre in acqua saranno ormeggiati, con il TT460, anche il GT370S e il GT320. Una line-up capace di mostrare tutta la varietà delle proposte di Invictus, dal piccolo fuoribordo per veloci uscite giornaliere alla prestigiosa ammiraglia in grado di assicurare spazio e comfort oltre all’inconfondibile stile firmato da Christian Grande.

Il designer di fiducia del cantiere Aschenez, lì dove vengono costruite tutte le barche con marchio Invictus, ha tenuto a ricordare, alla vigilia della passerella in terra francese, quali sono le convinzioni che ispirano da sempre il suo lavoro. ”Il mare – ha detto - non è solo il luogo per una vacanza o un incantevole sfondo per una fotografia, ma uno stile di vita. E questa barca di oltre 14 metri è nata dalla volontà di dare forma a quell’energia, all’emozione di una giornata a bordo: quando il tempo pare fermarsi e sembra di poter essere un tutt’uno con il sole e le onde. Tutto questo senza rinunciare allo stile, a quella raffinatezza tutta italiana che aggiunge valore a qualunque esperienza”.

Parole ispirate, cariche di enfasi, eppure adeguate a descrivere il lavoro fatto per realizzare una barca dalle linee tese ed essenziali, quelle distintive delle carene Invictus, che uniscono stile e attenzione alle prestazioni. A caratterizzare il profilo del nuovo gioiello TT460 è, da prua a centro barca, il tratto elegante del parabrezza, che trova continuità nell’hard-top in carbonio e che dà ulteriore slancio alla massa possente dell’imbarcazione.

La coperta, caratterizzata sull’intera lunghezza da un comodo camminamento perimetrale, accoglie a prua un ampio prendisole, dotato sul frontale di un sedile a scomparsa; a centro barca, grazie ai tavolini abbattibili, la dinette può fare spazio a un secondo prendisole, riparato dall’hard-top. Alla stessa altezza, le murate possono essere dotate di due terrazze laterali abbattibili, aumentando così lo spazio vivibile all’aperto.

La spiaggetta poppiera può essere rivestita in teak, come pure tutto il ponte; il cantiere ha previsto la possibilità di dotarla di un dispositivo idraulico di movimentazione per facilitare la risalita a bordo e la gestione del tender: una dotazione rara da trovare su barche di questa categoria.

Sorprendente la flessibilità degli interni, con varie possibilità dipersonalizzazione: dalla soluzione open space, con un letto matrimoniale trasformabile a poppa e un’area lounge a prua, fino alla realizzazione di paratie per la suddivisione degli spazi e un conseguente aumento della privacy. A scelta dell’armatore si può disporre dunque di 4 o 2 posti letto.

“Personalizzazione” è anche la parola d’ordine quando ci si concentra sulle finiture e i dettagli: la scelta dei materiali, dei colori e delle tappezzerie sfrutta infatti la presenza dell’Atelier Invictus, che lascia al cliente notevole libertà di scelta, permettendogli di configurare la barca in base ai propri gusti e alle proprie esigenze. In più l’Atelier mette a disposizione una rete di artigiani specializzati e fornitori altamente qualificati. La barca di serie diventa così custom, capace di esprimere la personalità, lo stile e i gusti dell’armatore. Ciò detto, già nella configurazione di base l’impressione che si ha a bordo del TT460 è quella di trovarsi su uno yacht di lusso di dimensioni ben maggiori.

La motorizzazione dell’Invictus TT460 è affidata a due Volvo Penta, ovvero due D6 Ips650 da 480 cavalli ciascuno in grado di spingere la barca fino alla velocità massima di 35,5 nodi (25 di crociera). Il serbatoio del carburante ha una capienza di 1300 litri, 330 quello dell’acqua. La portata è di 12 persone, il listino parte da 687.000 euro ex vat (più accessori).

Agli antipodi per misure, potenza e prezzo è l’Invictus Capoforte SX200 che verrà esposto a Cannes in anteprima assoluta. In questo caso parliamo di un piccolo fuoribordo di 6 metri, motorizzabile con propulsori di potenza non superiore a 150 cv. Secondo il cantiere “un’estetica ben curata e un attento studio ergonomico ne fa comunque una barca di qualità, capace di esprimere la personalità di tutta la linea Capoforte e di proporsi come una sintesi di funzionalità e divertimento”.

La versatilità doveva essere l’obiettivo prioritario e così è stato. Le aree di prua e poppa possono essere entrambe allestite a prendisole oppure a living, con la possibilità di differenziarne le modalità di fruizione oppure configurarle come un unico grande ambiente. Merito anche del layout che, con la timoneria decentrata, garantisce un comodo e diretto passaggio tra prua e poppa, lasciando a murata pure lo spazio per il mobile grill. Gli ampi vani di stoccaggio aggiungono ulteriore praticità d’impiego.

La motorizzazione massima, come detto, prevede una potenza non superiore a 150 cv. Ma ciò è sufficiente per superare agevolmente i 30 nodi, una velocità di tutto rispetto. Ciò detto, il cantiere assicura che navigando a 20 nodi c’è la possibilità di tenere sotto controllo i consumi e di sfruttare al meglio le qualità di una barca piccola, ma sicura e confortevole.

Il prezzo del piccolo SX200 Capoforte è apparentemente molto: 23.700 euro (più IVA). Ma a questa cifra vanno aggiunti il costo del motore e degli optional, che sono molti, in gran parte irrinunciabili, e hanno un costo complessivo superiore ai 15.000 euro.

  • condividi l'articolo
Mercoledì 21 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento: 23-07-2021 09:33 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti