Il Salpa Soleil 20

Salpa: piccolo è bello. Ecco il Soleil 20, gommone di 6 metri che costa meno di 20mila euro

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

NAPOLI - Un piccolo gommone di 6 metri è una delle novità più interessanti del 46° Nauticsud. E’ il Soleil 20 presentato da Salpa, cantiere dalla solida tradizione nel campo delle imbarcazioni in vetroresina, che dal 2016 ha deciso di diversificare la produzione cimentandosi, con successo, anche nel settore dei battelli pneumatici: dopo il 23, il 28 e il 33, ecco dunque il nuovo “piccoletto” della gamma, un gommone lungo 5,95 metri (6,40 fuori tutto) e largo 2,55, per il quale è stato fissato un prezzo di listino molto aggressivo: 18.950 euro (più IVA).

A dire il vero, a questo listino va aggiunto il costo degli optional, di cui fanno parte molte dotazioni di uso comune, come i tendalini, la doccetta, i kit prendisole di poppa e prua, le luci di navigazione, il salpa ancora elettrico e molto altro, per un totale, ovemai si opti per la soluzione full optional, di circa 7000 euro. “In occasione del Nauticsud – informa però la signora Enza Pane, responsabile commerciale del cantiere - praticheremo sconti speciali e incentivi per gli acquisti in package con Yamaha dedicati a chi si avvicina per la prima volta alla nautica e desidera scoprire il piacere di possedere una piccola imbarcazione da diporto senza spendere troppo”.

Rotti i rapporti con Alessandro Chessa, che aveva collaborato alla progettazione dei primi gommoni di Salpa, il nuovo Soleil 20 è frutto del lavoro dello studio tecnico dell’azienda, che ha curato l’intera filiera produttiva. Lo scafo è in vetroresina bianca, mentre i tubolari, di 58 cm, sono grigi. La carena single step e la parte anteriore del battello, con una prua a taglio quasi verticale, dovrebbero favorire l’ottimizzazione in planata anche a basse velocità, ma soltanto i test in acqua potranno dare conferme in tal senso. A beneficio del comfort, sono previsti due prendisole: uno a prua, l’altro, componibile, a poppa.

La motorizzazione prevede la possibilità di guida senza patente, utilizzando fuoribordo da 40 hp, ma è possibile adottare anche motori di potenza superiore: il cantiere giudica consigliabile la potenza di 70 cavalli, ma lo scafo è in grado di reggere spinte superiori, fino a 140 hp. In tal caso le prestazioni raggiungerebbero punte entusiasmanti, anche per la leggerezza del battello, che non supera i 650 kg, al netto dei carichi rappresentati dall’ancora e dai serbatoi della benzina (90 litri) e dell’acqua (30).

  • condividi l'articolo
Mercoledì 6 Febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento: 18:31 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti