Il Salpa Soleil 42

Salpa sfonda il muro dei 10 metri e dei 50 nodi con Soleil 42, pronto per Cannes e Genova

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo

NAPOLI - Dalle barche in vetroresina ai gommoni il salto non è stato facile. Ma in casa Salpa hanno fatto passi da gigante, in quattro anni hanno messo in acqua cinque battelli pneumatici, da 20 a 33 piedi, e in vista della stagione 2020 possono disporre di una gamma che va dal piccolo Soleil 20 al grande Soleil 42, nuova ammiraglia appena varata e pronta a debuttare nei Saloni di Cannes (11-17 settembre) e Genova (19-24).

«A Vitulazio, pochi chilometri da Napoli, abbiamo uno stabilimento all’avanguardia, che ci mette in condizione di affrontare qualsiasi sfida senza problemi” dice Antonio Pane, titolare del cantiere guidato assieme alla moglie e ai tre figli. “Una volta accertato che il mercato dei gommoni tira bene sia in Italia che all’estero – aggiunge Pane - ci siamo decisi a investire ancora nel settore, realizzando, dopo il 23, il 28 e il 33, il piccolo Soleil 20 (entry level tutto nuovo visto in anteprima al Nauticsud 2019, ndr) e il 42, il più grande della gamma, con il quale contiamo di fissare nuovi parametri nella categoria dei cabinati veloci, pronti a misurarci con i più noti e qualificati specialisti del settore».

Secondo le anticipazioni del cantiere, il nuovo Soleil 42 è un battello di 12,75 x 3,95 metri, in grado di esaltare sia le prestazioni sportive sia il comfort. Motorizzato con due Yamaha XTO da 425 hp, infatti, ha fatto registrare, nei test in acqua, velocità di punta dell’ordine di 53 nodi (con 6 persone a bordo e 120 litri di benzina). Ciò grazie alla carena realizzata in collaborazione con lo specialista inglese Adam Younger, progettista di fama internazionale noto per i suoi scafi da competizione, che ha disegnato una carena performante a doppio step con dritto verticale a prua.

Altro pregio tutto da scoprire del nuovo battello è la disponibilità di spazio all’aperto e sotto coperta. Il pozzetto è ampio e studiato per un comfort totale, mentre a prua c’è spazio per due posti a sedere e un prendisole. Sotto coperta l’altezza raggiunge i 2,10 metri e – assicura il cantiere - si può contare su ambienti eleganti, funzionali e luminosi, mai visiti su un gommone dal carattere sportivo. La dinette prevede un divano a C trasformabile in matrimoniale, mentre verso poppa non manca una seconda zona notte per gli ospiti con due letti singoli posizionati in longitudinale e mobiletti di fianco. Ovviamente non manca il locale toilette separato, che include il WC marino e un box doccia in cristallo.

«La disponibilità di spazio, la qualità della costruzione e la ricchezza delle dotazioni e degli accessori di pregio ne fanno un battello in grado di battersi al meglio con la concorrenza più qualificata» afferma con orgoglio l’ingegnere Pane, facendo riferimento a big del settore che rispondono ai nomi di BWA, Capelli, Nuova Jolly, Sacs, per non dire dei conterranei di MV Marine, mentre vengono considerati “fuori concorso” altri marchi presenti nella classe attorno ai 13 metri.

In proposito in casa Salpa non si fa certo professione di modestia. «Quasi tutti sono in grado di allestire un gommone sotto un capannone più o meno attrezzato e raggiungere anche misure importanti – dice Pane -. Noi di Salpa disponiamo però di impianti all’avanguardia e abbiamo acquisito un’esperienza tale da sentirci in grado di misurarci senza complessi con tutti i produttori più qualificati. Del resto – aggiunge – se così non fosse non avremmo acquisito una credibilità talmente forte anche all’estero da disporre in Francia di un importatore con dieci rivenditori, che ci consentirà di esporre a Cannes tutta la gamma, con il piccolo 20 e il grande 42 nel ruolo di debuttanti sulla scena internazionale».

Dopo lo Yachting Festival di Cannes, come detto, Salpa esporrà a Genova, dove sarà possibile anche provare i nuovi gommoni in mare, grazie alla collaborazione con Yamaha. Il fornitore di motori ha seguito con particolare attenzione lo sviluppo dell’ultimo progetto del cantiere campano, tanto da averne certificate le prestazioni con tecnici saliti a bordo nel golfo di Napoli. D’accordo con il cantiere, è stato specificato che su richiesta del cliente sarà possibile dotare il Soleil 42 anche di tre motori, con potenza complessiva fino a 1200 hp.

 

  • condividi l'articolo
Lunedì 9 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento: 10-09-2019 17:47 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti