Il Tri-Wing S-91x Pegasus è il frutto congiunto del centro stile Porsche e gli studi di elaborazione grafica della Lucas Film

Porsche protagonista di Star Wars. Disegna un caccia stellare per il nuovo film della saga di fantascienza

di Nicola Desiderio
  • condividi l'articolo

WEISSACH - Una Porsche per lo spazio non esiste. Ed invece sì. La casa di Zuffenhausen e la Lucas Film hanno infatti collaborato per disegnare il Tri-Wing S-91x Pegasus Starfighter che apparirà anche per alcuni secondi in “L’ascesa di Skywalker”, l’ultimo film della saga di Guerre Stellari.

Un modello del nuovo caccia stellare lungo 1 metro e mezzo sarà esposto in occasione della prima della nuova pellicola prevista a Los Angeles. Il Tri-Wing S-91x Pegasus è il frutto congiunto del centro stile Porsche, di stanza a Weissach, e gli studi di elaborazione grafica della Lucas Film che si trovano a San Francisco. Il risultato è una mescolanza inedita di stile e non solo. Anche la denominazione è un mix che strizzerà l’occhio agli appassionati di entrambi i mondi. Non sfuggirà infatti ai fan di Guerre Stellari che il nome Tri-Wing si ispira agli X-Wing, i caccia dell’Alleanza Ribelle, uno dei quali guidato proprio da Luke Skywalker. Allo stesso tempo, gli amanti delle automobili e delle Porsche ritrovano la sigla 91x che si rifà alla 911 e anche alla 99x, la monoposto di Formula E.

Grazie alla potenza – anzi alla Forza – della fantasia e alla bravura dei designer, è stato possibile trovare una sintesi stilistica tra due mondi completamente diversi. Ma è proprio la libertà di disegnare qualcosa di non sottoposto alle varie normative su sicurezza e ambiente, ha permesso gli uomini di Porsche di scatenare la loro creatitività e portare in una galassia lontana lontana alcuni elementi tipici della Cavallina di Stoccarda. Tra questi, i fari avvolti delle prese d’aria che hanno debuttato sulla Taycan, i gruppi ottici con 4 punti luce, persino i famosi parafanghi a botte che sono nati con la 911. Da questa sono stati ripresi inoltre il gruppo ottico posteriore unico e la terza luce di stop, utili dopo un salto in colonna nell’iperspazio.

Anche la cabina di pilotaggio è ispirata alle sportive di Stoccarda. La posizione di guida ricorda quella della 918 Spyder ibrida plug-in e tutti gli strumenti sono posizionati all’altezza degli occhi, come su tutte le Porsche. Anche la linea che va dalla cupola alle turbine dei motori ricorda l’andamento del tetto e del lunotto di 911 e Taycan. In generale, ogni elemento visibile del Tri-Wing S-91X segue quella che da sempre la filosofia di Porsche: ogni elemento ha una funzione. La motivazione primaria dell’iniziativa è ovviamente di marketing, unendo la fase di lancio della Taycan, la prima auto elettrica di Porsche, e del nuovo film della saga di Guerre Stellari che sarà anche nelle sale italiane dal 18 dicembre prossimo. Di sicuro, non vedremo mai una Porsche così, almeno non in questo quadrante dello spazio.

  • condividi l'articolo
Sabato 14 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento: 17-12-2019 12:57 | © RIPRODUZIONE RISERVATA