La prima Maison Citroën del nostro Paese è Milano

Citroën, apre a Milano la prima “Maison” italiana dedicata ai clienti del Double Chevron

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo

Confermando la propria sensibilità alle nuove tendenze, di cui spesso nella sua lunga storia ha preso la guida, Citroën ha deciso di seguire anche in Italia la moda dei “flagship store urbani”, punti d’incontro che hanno non solo lo scopo di illustrare le più recenti novità di prodotto, consentendo anche di provarle su strada e (perché no?) di sottoscrivere un contratto d’acquisto, ma anche di comunicare ai clienti effettivi e potenziali la storia e la filosofia di un brand che ha nel coraggio di dare ampio spazio alla creatività uno dei suoi punti di forza.

A tenere a battesimo la prima “Maison Citroën” del nostro Paese è Milano, nell’ambito di una partnership tra la filiale italia e Coin, la catena di grandi magazzini di fascia alta che ha messo a disposizione di Citroën Italia gli spazi adeguati nel centralissimo punto vendita di piazza Cinque Giornate, con un contratto – per ora di un anno – destinato a fare scuola, come confermano le prossime aperture previste a Bologna e Catania.

In attesa che nella prestigiosa location, e nel contiguo parking che già ospita le nuovissime C5 X destinate alle prove, facciano bella mostra di sé le prossime new entry come la nuova generazione della C5 Aircross, protagonista assoluta dell’inaugurazione è stata Ami, la cui storia di successo fornisce la prova vivente (e marciante) di quanto la fantasia sia davvero al potere nel caso del “Double Chevron”.

Realizzata con tutti i criteri (anche di sicurezza) di un’automobile “vera” questa vetturetta, guidabile a 14 anni con il patentino AM, ci ha accompagnato in un tour alla scoperta dei luoghi più segreti del capoluogo lombardo, difficilmente accessibili alle vetture “normali” ma non a questo oggetto di mobilità a due posti (comodi e spaziosi) lungo 2,4 metri, capace di destreggiarsi agilmente negli spazi più angusti grazie al diametro di sterzata di soli 7,2 metri e senza intaccare la sensibilità ambientale di residenti e passanti.

Merito dell’assenza di emissioni garantita dal motore elettrico da 6 kW (8 cv) alimentato da un batteria da 5,5 kWh che si ricarica completamente in 3 ore da qualsiasi presa di corrente domestica, garantendo fino a 75 km autonomia. Un dato che, assieme alla velocità massima di 45 km, fa di Ami una compagna di viaggio cittadina esemplare, a portata (anche) di una clientela giovanissima che non esige grandi spostamenti al di fuori delle aree urbano. 

Una soluzione 100% elettrica, 100% personalizzabile grazie grazie a numerosi accessori, compresi gli sticker che vengono spediti a domicilio per essere applicati dallo stesso utilizzatore, e 100% online, visto che l’intero processo di configurazione, acquisto o noleggio può essere completato stando comodamente seduti davanti al proprio computer. Una proposta coraggiosa e vincente, come confermano i 6.000 ordini acquisiti da lancio (nel 2021) che hanno attribuito alla micro-Citroën il 71% di share tra i quadricicli elettrici e il 35% nel “total market” della categoria, comprensiva anche dei modelli termici.

I prezzi della gamma, costituita dalle versioni Ami Ami, My Ami Pack declinata in quattro differenti colori, My Ami Pop e My Ami Vibe sono compresi tra 7.600 e 9.000 euro, ma grazie alla nuova campagna di incentivazione l’offerta in caso di rottamazione parte da 5.108 euro, mentre il noleggio per 48 mesi e 40.000 km non comporta alcun anticipo e prevede rate mensili di 80 euro. 

  • condividi l'articolo
Venerdì 20 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento: 23-05-2022 14:29 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti