Yamaha Ténéré 700

In città e per il tempo libero: il ruggito delle enduro stradali

di Francesco Irace
  • condividi l'articolo
DUERUOTE

MILANO - Una larga fetta del mercato italiano delle due ruote è occupata dalle enduro-stradali, categoria che accoglie tutte quelle moto che possono essere utilizzate a 360 gradi: per divertirsi nei sentieri ricchi di curve nelle uscite domenicali, per andare a lavoro ogni giorno affrontando la giungla cittadina e anche per viaggiare, da soli o in coppia, nei weekend e durante le vacanze. Ci sono quelle più orientate alla strada e al turismo a medio-lungo raggio e quelle che invece mostrano muscoli e tasselli da mettere sotto torchio laddove finisce l’asfalto e inizia l’avventura. In tale ambito sono diverse le nuove proposte che Eicma mette sotto i riflettori. BMW Motorrad aggiorna le medie F 750 e F 850 GS, che sostituiscono le vecchie F 700 e F 800 GS.

Rappresentano probabilmente la scelta migliore per chi non può e non vuole impegnarsi troppo con la regina del mercato, sua maestà R 1200 GS, e cerca potenze comprese tra i 77 e i 95 cv per poter fare tutto senza fretta e con consumi contenuti. Sulla stessa lunghezza d’onda si sintonizzano le nuove Triumph Tiger 800 XC e XR, che migliorano sotto le voci comfort e prestazioni (soprattutto in off-road). Un gradino più in alto invece si collocano le sorelle da 1200 cc, che pure affinano le loro armi migliori (meno peso e maggiore potenza) per impensierire la concorrenza. D’altronde l’attenzione sempre crescente verso il fuoristrada su due ruote spinge le Case motociclistiche a investire molto in questo segmento, creando nuovi modelli e rinnovando quelli già presenti a listino. Anche Honda ha approfittato del salone di Milano per aggiornare una best seller come l’Africa Twin, alzando ulteriormente l’asticella alla voce “doti fuoristradistiche” (omologando anche pneumatici tassellati) e migliorandone il pacchetto elettronico.

E ha lanciato anche una versione Adventure Sports con maggiore autonomia e una dotazione di serie più ricca, pensata per i lunghi viaggi alla scoperta del mondo. Passando, invece, alle versioni “più stradali”, troviamo tra i padiglioni affollati di Eicma la Ducati Multistrada 1260, ancora più performante (158 cv e maggiore coppia) e dotata di un pacchetto elettronico ai vertici della categoria. Yamaha, dal canto suo, aggiorna la Tracer 900 migliorandone la ciclistica, il comfort e alcuni dettagli estetici; per i più esigenti ci sarà anche una versione GT, che prevede una dotazione di serie più ricca e completa. A Milano si gettano però anche le basi per il futuro. Moto Guzzi toglie il velo alla V85 Concept, un prototipo enduro dallo stile vintage equipaggiato con un nuovo motore bicilindrico raffreddato ad aria da 80 cv attorno al quale sarà sviluppata una nuova gamma di moto. Chi, invece, si aspettava la versione definitiva della Yamaha Ténéré 700 deve fare i conti con un prototipo ancora più vicino a quella che sarà la moto definitiva, che si preannuncia particolarmente aggressiva e orientata all’off-road puro.


Proprio come la KTM 790 Adventure Concept, che richiama fortemente le moto del marchio austriaco impegnate nei rally e nelle Dakar: arriverà in versione definitiva il prossimo anno, proprio ad Eicma. Infine, non mancano proposte di enduro/cross vere: dalle più piccole Aprilia RX alle Yamaha WR, passando per le Beta, le Honda CRF, le Husqvarna, le Kawasaki KX, le Suzuki RM e le KTM (tra le quali spicca una enduro elettrica).
 

 

  • condividi l'articolo
Lunedì 27 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 28-11-2017 05:40 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti