Rally Messico, Meeke (Citroen) balza al comando. Ogier (Ford) è 2°, al 3° posto Neuville (Hyundai)

di Mattia Eccheli
LEON – Citroën e Meeke sono tornati. Dopo l'acquisizione di Opel, il premio di Car of the Year per Peugeot 3008, adesso PSA festeggia anche la leadership (ancora provvisoria) nel Rally del Messico, terza tappa del FIA World Rally Championship. L'atteso pilota britannico è al comando dopo 7 dei 9 stage disputati finora. Complice la chiusura di una strada per via di un incidente, agli organizzatori, infatti, non è riuscita l'ambiziosa impresa di trasferire le auto in tempo da Città del Messico a Leon per la disputa delle prime due cronometrate della seconda giornata, El Chocolate 1 e La Minas 1, che sono state cancellate.

Al volante della nuova C3, il 37enne Kris Meeke si è imposto nell'unico passaggio sulla El Chocolate rifilando oltre 7 secondi a Sébastien Ogier (Ford Fiesta) e quasi 18 a Dani Sordo (Hyundai i20 coupé). Lo stage è costato a Jari-Matti Latvala (Toyota Yaris) più di un minuto e mezzo (nona posizione) per colpa di problemi di surriscaldamento del motore ed al differenziale: “Abbiamo dovuto guidare in modalità stradale”, ha spiegato il finlandese.

La seconda prova più lunga, la Minas 2, è stata vinta da Thierry Neuville (Hyundai i20 Coupé) che ha preceduto Elfyns Evans (Ford Fiesta) e Dani Sordo, staccati rispettivamente di 5,7 e 6,5 secondi. Meeke ha limitato i danni a 8,2 secondi, mentre Latvala ha accusato altri 48,7 secondi di ritardo e dovrà verosimilmente dire addio al comando della classifica individuale del WRC.

Neuville, Meeke ed Evans hanno vinto le ultime tre mini crono, cristallizzando Citroën ed il britannico in testa alla graduatoria con 20,9 secondi di vantaggio sul quattro volte campione del mondo Ogier. Neuville è terzo a quasi 57 secondi dalla testa, seguito da Juho Hänninen, decisamente a suo agio sullo sterrato messicano con la Toyota Yaris, a 1,27 minuti e da Ott Tänak (Ford Fiesta) a 1,33 minuti.

Il costruttore francese sorride anche grazie a Stéphane Lefebvre, risalito fino alla sesta posizione (1,53 minuti da recuperare). Latvala è ottavo a 2,31, mentre Pontus Tidemand (Skoda Fabia R5) conferma il suo feeling con il Rally del Messico e domina il WRC2 dall'alto della sua nona piazza, lasciandosi alle spalle diversi quattro del WRC1, incluso Evans, che senza i 5 minuti di penalizzazione sarebbe sesto e non dodicesimo. L'italiano Lorenzo Bertelli, al suo esordio stagionale con la Fiesta 2017, è 18° a 24 minuti (40 secondi di penalità). Dopo essere stato costretto a fermarsi nello stage del Chocolate ed essere precipitato in ultima posizione, sta recuperando anche grazie al quinto ed ai due settimi posti degli ultimi tre stage di giornata.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Sabato 11 Marzo 2017, 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009