Italdesign-Airbus, con Pop-up si rivoluziona la mobilità: un pò auto elettrica un pò drone

GINEVRA - Una dei modelli più fotografati all'87ma edizione del Salone di Ginevra non è un'automobile e - nonostante la presenza di un doppio quadrirotore degno di un maxi drone - nemmeno un velivolo a decollo verticale. Quello che Italdesign e Airbus - due aziende leader nei rispettivi settori - hanno presentato sotto il nome di Pop.Up è a tutti gli effetti il primo sistema di trasporto modulare e multi-modale, completamente elettrico e dunque a zero emissioni, studiato per ridurre il traffico nelle affollate megalopoli del futuro.
 


Le due aziende sottolineano che si tratta di un progetto concreto, risultato del lavoro congiunto di Italdesign e Airbus che, condividendo le proprie competenze tecniche, hanno sviluppato e realizzato quello che viene definito ''il miglior concetto di mobilità urbana sostenibile'', accessibile alla moltitudine dei cittadini e in funzione dell'enorme aumento del traffico previsto entro il 2030. Pop.Up è un sistema strutturato su tre livelli: una piattaforma digitale dotata di AI (Intelligenza Artificiale), che attinge alle informazioni ed interpreta le preferenze dell'utente, per gestire la complessità del viaggio attraverso modalità alternative - strada, cielo e trasporto condivisio su treni o hyperloop - e garantire un'esperienza di trasporto fluida e continua.

Vi è poi una capsula per due persone progettata per essere integrata con moduli a propulsione elettrica, a guida autonoma, diversi e indipendenti (un modulo terrestre e uno aereo). Infine il sistema prevede un'interfaccia utente completamente virtuale. Pop.Up combina dunque la flessibilità di un'utilitaria a due posti con la libertà e la flessibilità di un veicolo aereo con decollo e atterraggio verticale (VTOL), vero trait d'union tra settore automobilistico e quello aerospaziale.
 
 


Cuore del sistema è la capsula monoscocca - progettata per accogliere due passeggeri - che è realizzata in fibra di carbonio ed è lunga 2,6 metri, alta 1,4 e larga 1,5. Integrandosi con il modulo terrestre, anch'esso in fibra di carbonio e alimentato a batteria, la capsula di Pop.Up diventa un'agile city car ad emissioni zero, con due moduli elettrici da 60 kW alimentati da batterie da 15 kW/h ricaricabili in 15 minuti e con 130 km di autonomia. Completamente elettrico anche il modulo aereo con 4+4 rotori controrotanti per 136 kW di potenza totale.

E' dotato di guida autonoma - per garantire la massima sicurezza - e si sposta in volo per un massimo di 100 km, valore che è dunque ideale per operare nell'ambito delle megalopoli (già oggi a San Paolo in Brasile è presente la maggiore quota di elicotteri privati) permettendo all'utente di restare all'interno della capsula sia nei viaggi a terra che in quelli nel cielo.

«Ormai le automobili fanno parte di un ecosistema molto più ampio - ha detto Joerg Astalosch, AD di Italdesign - e se vogliamo progettare il veicolo urbano del futuro l'auto tradizionale non può essere l'unica soluzione per le megalopoli. Dobbiamo pensare anche a sistemi sostenibili e intelligenti, alle App, all'integrazione, ai sistemi di alimentazione, alla pianificazione urbana, agli aspetti sociali e ad altro ancora.

Nei prossimi anni il trasporto via terra salirà a un livello superiore, passando da condiviso, connesso e autonomo anche ad essere multimodale, ed entrerà così nella terza dimensione. In Airbus, leader del settore aerospaziale - ha continuato Astalosch - abbiamo trovato il partner perfetto, che condivide questa visione moderna del futuro delle megalopoli per sviluppare un nuovo concetto sostenibile e multimodale del trasporto».
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 14 Marzo 2017, 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009