Il rendering della fabbrica Tesla in Germania

Tesla rinuncia a sussidi governativi per fabbrica batterie in Germania, il titolo perde il 2,4%

  • condividi l'articolo

NEW YORK - Tesla ha deciso di rinunciare a oltre un miliardo di euro in sussidi governativi per la costruzione della sua fabbrica di batterie a est di Berlino, in Germania, secondo quanto riportato dalle maggiori agenzie di stampa. «Tesla ha informato il Ministero federale dell’economia e il Ministero dell’economia del Brandeburgo che sta ritirando la sua domanda IPCEI per il finanziamento statale per la fabbrica di batterie a Grunheide», ha detto un portavoce dell’azienda, riferendosi ai sussidi europei assegnati ai cosiddetti «progetti importanti di comune interesse europeo». «Tuttavia, Tesla sta rispettando i suoi piani per la Gigafactory Berlin-Brandenburg», ha aggiunto il portavoce.

Secondo le stime del ministero dell’economia tedesco, la società statunitense sta investendo 5 miliardi di euro nell’impianto. La decisione sarebbe stata presa per l’opposizione del fondatore e amministratore delegato, Elon Musk, a un finanziamento governativo. È poi di oggi la notizia che Tesla prevede di investire fino a 1,2 miliardi di yuan (circa 170 milioni di euro) per espandere la capacità di produzione della sua fabbrica di Shanghai, secondo quanto riportato dal quotidiano Beijing Daily. Prevista anche l’assunzione di altri 4.000 impiegati, fino ad un massimo di 19.000 lavoratori. La fabbrica di Tesla a Shanghai è stata progettata per produrre fino a 500.000 auto all’anno e attualmente produce veicoli Model 3 e Model Y a una velocità di 450.000 unità all’anno. Il titolo di Tesla perde oggi il 2,4%.

  • condividi l'articolo
Sabato 27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento: 29-11-2021 12:59 | © RIPRODUZIONE RISERVATA