Amatrice, grazie a JaguarLandRover nel cuore della zona rossa apre il parco simbolo della rinascita

di Giorgio Ursicino
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino all’agosto scorso era uno dei borghi più belli d’Italia è sbocciata un’area verde, alti alberi e un curatissimo prato all’interno della martoriata zona rossa. Il “Giardino degli alberi” era un luogo storico per gli abitanti e i villeggianti della rinomata località ai piedi dei monti della Laga, era il punto di ritrovo del paese poiché Amatrice, famosa per il suo famoso corso, in realtà non aveva una vera piazza e il cuore pulsante della comunità è sempre stato quell’angolo di pace di fronte alla chiesa di Sant’Agostino dove passavano il tempo nonni e bambino.
 
 


Fra le tante iniziative che stanno tornando alla vita come la consegna delle unità abitative e la nascita di un nuovo liceo che ospiterà ragazzi provenienti anche da altre regioni d’Italia, il Giardino degli alberi ha un significato speciale perché rappresenta almeno due anteprime. Da una parte è la primo tassello della ricostruzione all’interno della zona rossa tuttora isolata e vigilata; dall’altra è il primo progetto che non ha il carattere della provvisorietà, è stato cioè realizzato per restare così come è anche quando lo storico borgo sarà ricostruito. E se questo passo può essere bene augurante ci sono le premesse perché rinasca più bella di prima. L’opera è stata realizzata dalla Jaguar Land Rover Italia che si è occupata della raccolta dei fondi necessari ed ha invitato i propri dipendenti e concessionari a partecipare personalmente ai lavori.

«Sono veramente onorato di poter inaugurare insieme alle istituzioni della città il Giardino degli alberi - ha dichiarato Daniele Maver, presidente di JLR Italia - abbiamo accolto il suggerimento del sindaco Pirozzi e siamo orgogliosi di aver avuto il privilegio di aiutare Amatrice e i suoi cittadini». Prima di partire per il Canada dove è andato a prendere in consegna il sostegno raccolto dalla comunità italiana in quel paese, il sindaco Sergio Pirozzi ha dichiarato: «Questo giardino ha visto crescere generazioni di amatriciani e di turisti, ha un valore importantissimo per noi. Vederlo più bello di prima e di nuovo pronto ad accogliere le persone, mi riempie di gioa, deve essere il simbolo della rinascita».
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Venerdì 12 Maggio 2017, 11:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ds Virgin sale sul podio di Formula E all'ePrix di Parigi
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009