Honda CBR 1000 RR Fireblade, la belva da pista molto docile in strada

di Lorenzo Baroni
PORTIMAO - Più potente e più leggera del precedente modello, più filante e curata in ogni dettaglio, nuova l’estetica e telaio rivisto per competere contro le migliori supersportive moderne. La nuova CBR 1000 RR Fireblade è disponibile in due versioni la standard e la SP, entrambe dotate di un sofisticato sistema di traction control e di un Abs multi canale dall’indole sportiva. Il motore guadagna ben 11 cavalli, raggiungendo i 191 a 13.100 giri e sfoggia una coppia di 114 Nm a 11.000 giri/min, questo consente alla moto un miglioramento del rapporto peso potenza del 14% associato a una erogazione della coppia più consistente e lineare.
 
 


Il risparmio di peso è stato a tutto campo, dalle carenature alle viterie, fino allo scarico e ai cerchi in alluminio. Il nuovo gioiello Honda è la prima 4 cilindri della casa alata dotata di acceleratore elettronico ed ha 5 mappature del motore gestite dal sistema Riding Mode Select System (RMSS). Ben 10 invece i livelli di intervento del traction control che può lasciare più o meno libera la ruota posteriore di pattinare in fase di accelerazione per ottimizzare l’uscita di curva anche a moto molto inclinata. Su strada tutto questo si traduce in tanta sicurezza e in una grande capacità di erogare potenza.
 


Stesso discorso in pista dove vengono scongiurate le pericolose cadute per repentine perdite di aderenza della ruota motrice a vantaggio della sicurezza del pilota e dell’efficacia nel tempo sul giro. In pista la moto si dimostra velocissima pur mantenendo grande facilità di guida e una insospettabile maneggevolezza, una volta in sella il livello di confidenza è elevatissimo e chiunque può sentirsi a proprio agio. Il vantaggio della CBR rispetto a molte concorrenti è però la possibilità di essere utilizzata in modo efficace anche su strada poiché la posizione di guida non risulta estrema e affaticante come su altre supersportive di questa categoria. In pista si raggiungono angoli di inclinazioni molto elevati e velocità sul rettilineo dell’ordine dei 300 km/h nonostante un rettilineo non eccessivamente lungo. Il prezzo è fissato a 18.790 euro per la versione standard, mentre sale fino a 23.590 euro per la versione SP.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Domenica 5 Febbraio 2017, 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009