La Lamborghini Urus

Finalmente Urus, il Super Suv Lamborghini con prestazioni da sballo: ha un V8 da 650 cv e vola a 305 km/h

di Sergio Troise
  • condividi l'articolo
  • 4,2 mila

SANT’AGATA BOLOGNESE. E’ giusto che un’azienda specializzata in supercar ad altissime prestazioni si cimenti anche nel settore dei Suv? Mentre nella vicina Maranello stanno ancora sfogliando la margherita – no, sì, forse – a Sant’Agata Bolognese, casa Lamborghini, hanno già pronta la novità: si chiama Urus, è un supersuv con motore in alluminio V8 4.0 litri biturbo con potenza di 650 cv/850 Nm (162,7 cv/litro) capace di spingere fino a 305 km/h, con accelerazione 0-100 in 3,6 secondi.
 

 

Presentata in anteprima alla presenza del capo del governo Paolo Gentiloni, sarà una delle star del Salone di Ginevra e arriverà sul mercato nella primavera del 2018, al prezzo – già fissato – di 168.852 euro più IVA (in pratica più di 200.000 euro chiavi in mano). Ma la Casa dei tori ha già svelato immagini e contenuti, muovendosi con l’orgoglio di chi si sente sicuro di aver realizzato qualcosa di speciale, con le carte in regola per collocarsi al top mondiale per esclusività, prestazioni, dinamica di guida e, soprattutto, emozioni.

Ispirata alla LM002 (primo esperimento di fuoristrada tentato da Lamborghini nel lontano 1986), la Urus presenta uno stile quasi da coupé, viste le linee basse e gli sbalzi corti, ma è un Suv a tutti gli effetti, comodo, lussuoso e super equipaggiato, alto da terra e con spazio sufficiente per cinque persone e per i loro bagagli. Ciò detto conserva gli stilemi aggressivi tipici di tutte le Lamborghini, con le quali condivide tra l’altro la denominazione ispirata a una razza di tori: i bovini di razza Urus (uri), conosciuti anche come Aurochs, sono tra i grandi antenati selvatici delle razze attuali. E il toro da corrida spagnolo, allevato negli ultimi 500 anni, ha un aspetto ancora molto simile a quello della razza Urus.

Come le supercar che hanno scritto la storia del marchio di Sant’Agata Bolognese (controllato dalla tedesca Audi), anche l’Urus si distingue, oltre che per le prestazioni estreme, per la scelte sofisticate in materia di meccanica, aerodinamica e dotazioni. Detto del motore e delle doti velocistiche dichiarate dalla Casa, vale la pena sottolineare, infatti, che il super Suv Lamborghini si distingue anche per il sistema a trazione integrale con ripartizione attiva della coppia, per il cambio automatico a 8 marce e per le quattro ruote sterzanti, utili sia per le manovre negli spazi stretti (in questo caso le ruote posteriori girano in senso opposto alle anteriori) sia nelle curve ad alta velocità (in tal caso le ruote girano tutte nello stesso senso). Altra particolarità svelata in anteprima sono i freni carboceramici di serie (il passaggio da 100 km/h a 0 avviene in 33,7 metri) e la possibilità di scegliere, attraverso il selettore della dinamica di marcia denominato Tamburo, fino a 6 opzioni di guida: Strada, Terra, Neve, Sport, Corsa e Sabbia.

Nelle intenzioni della Casa, il super Suv Lambo dovrà distinguersi non solo per le super prestazioni, ma anche per la capacità di esprimere una personalità flessibile, e dunque in grado di assecondare i più diversi bisogni (o capricci?) dei fortunati proprietari: comoda auto di lusso da guidare tutti i giorni; versatile veicolo off-road capace di affrontare neve, sabbia, terra o fango, oppure supersportiva in grado di garantire esperienze di guida esaltanti, nonostante la mole (pesa 2.200 kg, ma il rapporto peso/potenza, 162,7 CV/litro, è da record).

«La Urus nasce da un approccio visionario ed è il risultato della combinazione del Dna Lamborghini con la versatilità tipica di un Suv, elevato a un livello finora impossibile» ha dichiarato Stefano Domenicali, presidente e amministratore delegato di Lamborghini. «Per le emozioni che suscita in termini di design, prestazioni e dinamica di guida – ha aggiunto l’ex dirigente della Ferrari - questa è una vera Lamborghini, ma è anche un’auto adatta alla guida di tutti i giorni su terreni molto diversi tra loro, rappresenta il massimo punto di incontro tra competenze tecniche e passione nell’intento di creare una nuova “razza di tori”: un super Suv che trascende le aspettative e apre la porta a nuove possibilità, sia per il brand che per i nostri clienti».


 

  • condividi l'articolo
  • 4,2 mila
Lunedì 4 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2017 22:07 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-04 21:29:42
speriamo che le Case automobilistiche continuino a produrre auto del genere, alla faccia degli ambientalisti, che vogliono toglierci anche il piacere di guidare! La Prius compratevela voi, a quel punto prendo il tram!
2017-12-04 22:20:52
0 a 100 in poco più di 3 secondi e velocità superiore a 300 km all'ora! Come avrebbe detto il grande Fortebraccio, la platea di braccianti, metalmeccanici e disoccupati che aspettava da tempo questa novità si spella le mani ad applaudire. Avranno almeno qualche idea per i regali di Natale...
2017-12-05 10:18:49
Caro veleno macchine del genere comunque non si costruiscono da sole.....rappresentano una fonte di lavoro per molte persone.
2017-12-05 19:09:53
Spettacolare... beato a chi se la potrà permettere. Che invidia positiva.
2017-12-06 12:20:54
Gran bella Porsche! Complimenti.